Giugno 10th, 2019

DODICESIMA STAGIONE  - 2018

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

vandi.jpg

Vandi, che progresso: 800 in 2:00.88

09 Giugno 2019

A Rehlingen, in Germania, la 23enne marchigiana toglie oltre due secondi al primato personale e avvicina lo standard per i Mondiali di Doha. Trevisan 52.69 nei 400 in Grecia

di Nazareno Orlandi

Ottima prestazione negli 800 metri per Eleonora Vandi2:00.88 a Rehlingen, in Germania, con oltre due secondi di miglioramento, per diventare l’ottava italiana di sempre su questa distanza, non lontana dallo standard per i Mondiali di Doha (2:00.60). È un nuovo balzo in avanti per la 23enne pesarese dell’Avis Macerata che era scesa a 2:02.89 due settimane fa nel meeting belga di Oordegem. Il tempo di oggi certifica il salto di qualità: un crono decisamente interessante e il secondo posto nella prova vinta dalla tedesca Katharina Trost in 2:00.74. Terza lo scorso anno agli Assoluti di Pescara, doppia figlia d’arte degli ex azzurri Luca Vandi e Valeria Fontan, e sorella maggiore della primatista italiana juniores dei 400 metri Elisabetta Vandi, la mezzofondista seguita dal tecnico Faouzi Lahbi si avvicina con autorevolezza al muro dei due minuti e firma il miglior risultato azzurro delle ultime due stagioni, dal 2:00.17 di Yusneysi Santiusti del luglio 2017 [RISULTATI/Results].

VANDI: “TANTA FIDUCIA DAL MIO COACH” - “Sono abbastanza sorpresa, puntavo sicuramente a fare meno di 2:02 però non pensavo così tanto - il commento di Eleonora Vandi -. Devo tutto al mio allenatore perché lui ci ha creduto davvero e mi ha trasmesso sicurezza e fiducia, come ha fatto anche con mia sorella Elisabetta. Finalmente è un anno senza infortuni o acciacchi vari, a differenza delle stagioni precedenti, e penso che si possa fare ancora meglio: oggi la ‘lepre’ è passata in 57.7 e io sui 58 secondi, magari fossi passata un pelino più piano avrei potuto chiudere meglio. Ci riproverò già dal prossimo weekend nella Finale Argento dei Societari Assoluti a Imola. I Mondiali? Sono sempre stati un bel sogno, ma adesso stanno diventando un obiettivo. Oltre all’atletica, per la quale nel settembre 2015 mi sono trasferita a Mogliano Veneto dove vive il mio coach, vorrei continuare anche gli studi, dopo la laurea triennale a Venezia in conservazione e gestione dei beni culturali”.

IN GRECIA - Giancarla Trevisan (Bracco Atletica) a sei centesimi dal primato personale nei 400 metri sull’isola di Creta (Grecia) al meeting Venizelia di Chania. L’azzurra della staffetta 4×400 corre in 52.69, miglior tempo della propria stagione, e chiude al secondo posto alle spalle della greca vicecampionessa europea Maria Belibasaki (52.04). La 26enne protagonista alle World Relays di Yokohama con il doppio pass della 4×400 e della mista, nella prova individuale aveva timbrato fin qui un 52.74 in California, a Irvine, il 27 aprile. Leonardo Fabbri (Aeronautica), di nuovo in pedana tre giorni dopo il Golden Gala, resta al di sotto dei venti metri nel peso: terzo posto con 19,57 al terzo turno di lanci. Nella sua serie anche un 19,47 e quattro nulli. Vittoria per il russo Maksim Afonin con 20,41. Il 22enne fiorentino si era portato a 20,45 all’aperto a Castiglione della Pescaia due settimane fa, dopo il 20,69 della stagione invernale [RISULTATI/Results]. 

 

VENETO PROTAGONISTA AI TRICOLORI JUNIORES E PROMESSE:

PRIMA GIORNATA - SECONDA GIORNATA  - TERZA GIORNATA

 

……………………………………………………………………………………………………………

 

i trevigiani portano a casa ben OTTO medaglie!!!

rebecca-borga-620x264.jpg

oro: REBECCA BORGA

 ccd65352-0359-4d40-a7bd-e637b4b6c5b0.jpg

 gatto-niero-argenti-pro-2019.jpg

de-mattia.jpg

argenti: ABEL CAMPEOL GIOVANNI GATTO GIORGIA NIERO e MARGHERITA DE MATTIA

 marini-19.jpg

 

bronzi: ELENA MARINI ABEL CAMPEOL e ARIANNA CECCHIN

Dalla FIDAL NAZIONALE

 

400: RUGGITO BORGA - Prosegue la crescita di Rebecca Borga (Fiamme Gialle) che lima ancora il primato personale nei 400 metri (53.15), si migliora per la terza volta in stagione (Grosseto 53.31, Savona 53.50) e comincia ad avvicinarsi in maniera abbastanza consistente verso la barriera dei 53 secondi. La veneta che ha fatto parte del gruppo azzurro della 4×400 che ha conquistato il bronzo europeo indoor a Glasgow e il terzo posto alle World Relays di Yokohama tiene a debita distanza Anna Polinari (Fondazione Bentegodi Verona), 54.62, e Aurora Casagrande Montesi (Cus Parma) 54.66. Si migliora anche Brayan Lopez tra le promesse: il portacolori dell’Athletic Club 96 Alperia dopo due anni toglie due decimi al suo tempo (46.70) e batte Andrea Romani (Atl. Riccardi Milano 1946), PB 47.06, e Michele Falappi (Atl. Chiari 1964 Libertas) in 47.19, quattro decimi di progresso. In campo under 20, non tradisce Edoardo Scotti (Carabinieri) che nonostante una vescica sotto il piede riesce a vincere con 46.97 davanti a Francesco Domenico Rossi (Geas Atletica), 47.95, e Riccardo Filippini (Studentesca Milardi Rieti) in 48.30. Dopo il titolo allieve, si ripete anche tra le junior Eleonora Foudraz (Atl. Sandro Calvesi), certificando il primo blitz sotto i 55 secondi (54.59), imitata da Alessandra Bonora (Atl. Rodengo Saiano Mico) con 54.85 e cresce di quasi un secondi Beatrice Zeli (Pro Sesto Atl., 55.17).

 

3000 SIEPI - …Duello anche nei 3000 siepi juniores tra Virginia Medda (Cus Cagliari, 10:47.52 PB) e Margherita De Mattia (Atl. Mogliano, 10:49.78 PB). In solitaria, invece, Linda Palumbo (Atl. Clarina Trentino) nelle siepi promesse con 10:48.54.

 

1500 - …Nella gara maschile il campione indoor Nicolò Daniele (Atl. Canavesana) prevale anche all’aperto in 3:52.49 su Federico Riva (Fiamme Gialle Simoni, 3:54.29) e Abel Campeol (Silca Ultralite Vittorio Veneto, 3:54.37).

 

 

…………………………………………………………………………………………………………..

 

TROFEO PINDEMONTE NEL SEGNO DEI GIOVANI

 Ieri a Verona doppietta dell’ancora quindicenne Luca Mondini: 7.01 nel lungo e 11”10 nei 100. La cadetta Sofia Tonon vince i 1000 in 30050.

 tonon-sofia.jpg

Padova, 9 giugno 2019 – Alla soglia dei 40 anni, il Trofeo Pindemonte – 2^ prova di Coppa Veneto -  si regala un pomeriggio di buona atletica, con tanti giovani in evidenza. Ieri a Verona, al Campo Consolini, nella 39^ edizione della manifestazione organizzata dallAtletica Pindemonte, bella doppietta dellancora quindicenne Luca Mondini (Atl. I Gonzaga 2011), che prima ha vinto i 100 in 1110 (-0.3), togliendo 6 centesimi al personale, e poi si è confermato oltre i 7 metri nel lungo (7.01, vento nullo). La cadetta Sofia Tonon (Silca Ultralite), campionessa italiana di categoria di cross 2019, si è imposta in una splendida gara sui 1000 metri: 30050 per lei, che ha limato altri cinque secondi sul record personale, e 30151 per Linda Conchetto (Venezia Runners Atl. Murano). Lallieva Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra), fresca del titolo italiano di corsa in montagna vinto domenica scorsa a Limana, ha corso il primo 800 della carriera in 21583. Applausi anche per lallieva Rebecca Mihalescul (Fondazione M. Bentegodi), 1.67 nellalto, e per Jacques Riparelli (Athletic Club 96 Alperia), uomo più veloce di giornata con un bel 1063 (+0.6) nei 100.

RISULTATI. MASCHILI. 100 (+0.6): 1. Jacques Riparelli (Athletic Club 96 Alperia) 1063. 400: 1 Brian Kanda Abakpereh (Us Quercia Trentingrana) 4932. 800: 1. Brian Kanda Abakpereh (Us Quercia Trentingrana) 15502. Lungo: 1. Diego Azzolin (Atl. Vicentina) 6.64 (-1.7). Giavellotto: 1. Pietro Perbellini (Lib. Valpolicella Lupatotina) 55.29. 

Allievi. 100 (-0.3): 1. Luca Mondini (Atl. I Gonzaga 2011) 1110. 400: 1. Stefano Castegini (Fondazione M. Bentegodi) 5211. 800: 1. Daniel Rocca (Lagarina Crus Team) 15828.  Lungo: 1. Luca Mondini (Atl. I Gonzaga 2011) 7.01 (0.0). Giavellotto: 1. Jarno Valentino Zuccoli (Verona Asd Pindemonte) 57.99.

Cadetti. 80 (+1.0): 1. Federico Dicati (Gs Fiamme Oro) 945, 2. Joel Turrini (Lib. Rossetto Lugagnano) 947. 300: 1. Pietro Aly Belfadel (La Fenice 1923 Mestre) 3795. 1000: 1. Luca Marchiorato (Expandia Atl. Insieme Verona) 24507. Lungo: 1. Joel Turrini (Lib. Rossetto Lugagnano) 6.31. 4×100: 1. Expandia Atl. Insieme Verona (Pedretti, Nenna, Quaresima, Mai) 4794.  

Ragazzi. 60: 1. Getahun Montresor (Expandia Atl. Insieme Verona) 833.  1000: 1. Pietro De Pizzol (Silca Ultralite) 30769Lungo: 1. Pietro Tezza (Us San Martino B.A.) 4.14.

FEMMINILI. 100 (-0.2): 1. Elisabetta Greggio (Discobolo Atl. Rovigo) 1262.  400: 1. Chiara Giordani (Us Quercia Trentingrana) 10045. 800: 1. Zaineb Ezzarraa (Gs Self Montanari Gruzza) 22359. Alto: 1. Melissa Michelotti (Sport Atl. Fermo) 1.71. Giavellotto: 1. Chiara Bergia (Atl. Valli di Non e Sole) 42.63.

Allieve. 100 (+0.9): Laura Moro (Assindustria Sport Padova) 1246. 400: 1. Fatimatu Iddrissou (Atl. Brescia 1950 Ispa Group) 10036.  800: 1. Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra) 21583, 2. Martina Lucchini (Atl. Verona Asd Pindemonte) 21752. Alto: 1. Rebecca Mihalescul (Fondazione M. Bentegodi) 1.67, 2. Martina Licchelli (Lib. Valpolicella Lupatotina) 1.65. Giavellotto: 1. Margherita Randazzo (Atl. Villorba) 38.14.

Cadette. 80 (+0.5): 1. Giulia Fongaro (Atl. Ovest Vicentino) 1027, 2. Nadia Ciconti (Atl. Selva Bovolone) 1030, 3. Beatrice Minotti (Centro Atl. Copparo) 1035. 300: 1. Sara Vincenzi (Us Audaces Nave) 4288.  1000: 1. Sofia Tonon (Silca Ultralite) 30050, 2. Linda Conchetto (Venezia Runners Atl. Murano) 30151, 3. Lia Nardon (Atl. Valle di Cembra) 30428. Alto: 1. Giulia Gottardi (Verona Asd Pindemonte) 1.59. 4×100: 1. Atl. Verona Pindemonte (Stizzoli, Gugelmo, Avanzini, Gottardi) 5337. 

Ragazze. 60: 1. Elisabetta Pedrini (Brixia Atl. 2014) 871. 1000: 1. Giorgia Paolazzi (Atl. Valle di Cembra) 32009, 2. Vanessa Russo (A.S. Merano) 32254. Vortex: 1. Allegra Bazzoni (Verona Asd Pindemonte) 37.04. RISULTATI COMPLETI

 

 

…………………………………………………………………………………………………………..

scardanzan-campeol.jpg

 

Quinto posto per Virginia Scardanzan nell’asta promesse, 12° Andrea Braido nel giavellotto junior
Un argento e un bronzo ai tricolori di atletica di Rieti: doppietta per lo Junior Abel Campeol
Il 18enne di Povegliano è secondo negli 800 e terzo nei 1500


Silca Ultralite Vittorio Veneto ancora una volta sul podio: questa volta le medaglie tricolori sono quelle conquistate dallo Junior Abel Campeol. Ieri e oggi a Rieti, ai campionati italiani junior e promesse di atletica leggera il secondo posto negli 800 in 1’52’’08 e il terzo nei 1500 in 3’54’’37. Un atleta, Campeol, che si era fatto notare per le sue qualità di mezzofondista veloce nelle categorie passate, con il titolo nei 1000 cadetti e il record nazionale nei 600 indoor nel corso del 2015. Poi un periodo difficile a causa di infortuni che l’hanno tenuto lontano dalla pista. L’avvio del 2019 con alcune affermazioni nei cross regionali e altalenanti prove indoor. Ora le due medaglie che ne consacrano il definitivo ritorno ai vertici nazionali. Dalla scorsa stagione, dopo un lungo passato con Tarcisio Lorenzin, è arrivato alla corte di Lionello Bettin dove si allena insieme a Catalin Tecuceanu, l’altro atleta di Silca Ultralite Vittorio Veneto che nel corso del 2018 ha scritto la storia rumena di categoria, con le vittorie junior tra 800 e 1500 e le medaglie assolute a livello nazionale. Proprio Tecuceanu, da quest’anno categoria promesse, sabato ha vinto gli 800 metri in uno dei più rinomati meeting internazionale a Cluj-Napoca in Romania. Restando nel campo dei mezzofondisti, nuova impresa di Sofia Tonon, la triathleta che ama l’atletica. La cadetta coneglianese, campionessa in carica di cross di categoria, ieri a Verona, in occasione del 39° Trofeo Pindemonte ha conquistato i 1000 siglando il nuovo personale con il crono di 3’00’’50, che vale il secondo posto nella graduatoria italiana stagionale di categoria. Sempre nei 1000, questa volta ragazzi, vittoria di un altro triathleta, Pietro De Pizzol, in 3’07’’69.
Tornando alla rassegna tricolore reatina da segnalare anche le due belle prestazioni dei portacolori di Atletica Silca Conegliano. A ridosso del podio (dopo le vittorie e le medaglie tricolori degli anni passati), Virginia Scardanzan quinta nell’asta promesse con 3.80. Dodicesimo posto per Andrea Braido, il giavellottista al suo primo campionato italiano: per lui la qualifica alla finale junior con 50.55 (vicino al personale). La gara per le medaglie, dove l’allievo di Andrea Meneghin è arrivato a 47.45, è stata però condizionata dall’infortunio al gomito patito nel corso del primo lancio.
Passando al triathlon, 16esimo posto (e primo tra gli italiani) per Federico Pagotto a Dnipro, in Ucraina, nel Triathlon Sprint valevole come prova di Coppa Europa. Per quanto riguarda la multidisciplina, oggi nel triathlon promozionale di Maniago, vittori e podi biancorossi. Prima Maria Lazzari fra i Cuccioli, terza Rebecca Gava fra le Esordienti, seconda Giulia Secchi fra le Ragazze, 2° Pietro De Pizzol fra i Ragazzi. E infine podio tutto Silca tra le Youth A con Sofia Tonon, Matilde Dal Mas ed Agnese Passone (per Tonon anche la vittoria su tutte le altre categorie).
“Siamo molto contenti di aver ritrovato Abel, atleta di alto livello, che dopo gli alti e bassi che hanno caratterizzato gli ultimi anni, è riuscito a farsi valere – commenta Aldo Zanetti, presidente di Silca Ultralite Vittorio Veneto – speriamo che queste due importanti medaglie segnino il ritrovamento di importanti equilibri, che possano far fruttare il suo innato talento, in un futuro da mezzofondista su distanze più lunghe. Un bravo anche agli atleti di Atletica Silca Conegliano che hanno onorato i tricolori e ai nostri giovani triathleti che hanno passato decisamente un bel weekend tra multidisciplina e atletica”.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

ANNA MICHIELIN, GIACOMO ROTTIN E FRANCESCO PIOVESAN CAMPIONI VENETI RAGAZZI!

………………………………………………….

 perencin-emanuele.JPG

Il mondo dello sport piange Emanuele Perencin, colto da un malore a 47 anni

L’ex promessa del basket, campione di podismo domenica ha avuto un malore mentre si allenava a Lignano, le sue condizioni in un primo momento non erano apparse gravi, ma la situazione è peggiorata e venerdì sera è spirato.

 

(L’atletica trevigiana è ancora in lutto per la scomparsa dell’ancor giovane atleta e così ama ricordarlo.

 

Emanuele Perencin era nato a Conegliano il 25 luglio del 1971. Oltre ad aver vinto e partecipato a numerosissime gare campestri, in pista, con l’Atletica Brugnera,  aveva questi notevoli primati personali:

5000m 14’55”29 del 2004;

10.000m 30’44”76 24 aprile 2004 Treviso;

10km su strada 30’59. 11 febbraio 2007 Modena;

maratonina 1h 07. 38. 17 aprile 2005 Brugnera;

30km. 1h 44. 57. 28 novembre 2004 Milano

maratona 2h 28. 41. 28 novembre 2004 Milano

 

Ciao Emanuele!

 

……………………………….

 

 

 

 

 

 

Giugno 8th, 2019

DODICESIMA STAGIONE  - 2018

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

 

ANTEPRIMA DA RIETI

Gatto e la Niero sfiorano l’oro!!!

 

Dalla Fidal Nazionale

 

ASTA E ALTO - Torna a salire Max Mandusic (Trieste Atletica) che nell’asta promesse valica 5,40 alla seconda prova. Superato il personale all’aperto di 5,30, già pareggiato quest’anno sulla stessa pedana, e anche quello indoor di 5,35 prima di cimentarsi in tre tentativi senza successo a 5,50. Il campione uscente Matteo Capello (Safatletica Piemonte) compie un percorso netto fino a 5,15, stessa misura per Simone Andreini (Fiamme Gialle Simoni), terzo con il personale. La tricolore dell’alto femminile è ancora Mara Di Quinzio (Us Aterno Pescara) a quota 1,74: nella scorsa stagione da junior, quest’anno tra le under 23. Decisiva la misura saltata alla prima prova, invece Giorgia Niero (Us Quercia Trentingrana) ci riesce alla terza.

3000 SIEPI - Due settimane dopo il meeting di Castiglione della Pescaia, dove entrambi avevano raggiunto il minimo per gli Europei under 20, si ritrovano di fronte Enrico Vecchi (Atl. Rodengo Saiano Mico) e Luca Zanetti (Atl. Futura Roma): anche qui prevale il lombardo figlio d’arte, che si prende il tricolore dei 3000 siepi juniores in 9:15.01 contro il 9:15.47 dell’avversario. La volata vincente tra le promesse è di Pietro Arese (Safatletica Piemonte, 9:05.67) che si lascia alle spalle il compagno di allenamento Giovanni Gatto (Us Quercia Trentingrana, 9:07.95).

 

CAMPEOL BRAIDO TONIUTTO (alto e giavellotto) BORGA e DELLA VALENTINA FINALISTI!!!

Andrea Beghetto 4.20 e Sara Foltran 12”36

 

CAMPIONATI ASSOLUTI DI SOCIETà, STORICA PROMOZIONE PER TREVISATLETICA: SARà FINALE BRONZO   

La formazione maschile sarà impegnata il 15 e 16 giugno a Orvieto nella terza finale per importanza della rassegna nazionale su pista. Andrea Berto, Anna Carollo, Elena Ruzzier e Samantha Zago in gara nel weekend ai Tricolori juniores e promesse di Rieti

 

Treviso, 7 giugno 2019 – Oltre ogni aspettativa. La formazione maschile di Trevisatletica si è qualificata per la finale A Bronzo dei campionati italiani assoluti di società su pista, in programma il 15 e 16 giugno a Orvieto (Terni).

 trevisatletica_tamassia-a-sinistra-e-ghenda_2.jpg

Per Trevisatletica è un risultato storico: mai la società del capoluogo si era qualificata per una finale della massima rassegna di club. Non solo: lobiettivo 2019 di Trevisatletica era lammissione alla finale B e invece si è trovata catapultata nella serie superiore, in seguito alla mancata conferma dei punteggi necessari a disputare la finale A Bronzo da parte di altre società.

 

Nellinsieme delle due fasi regionali di qualificazione, disputate l11 e il 12 maggio a San Biagio di Callalta e l1 e il 2 giugno a Vicenza, i ragazzi di Trevisatletica hanno realizzato 14.407 punti, un risultato che permette al club del capoluogo di entrare nella finale A Bronzo con il quarto punteggio di qualificazione su 13 squadre (29° punteggio complessivo in Italia). In finale cambierà il criterio di classifica (si andrà a piazzamenti invece che a punteggi tecnici), ma Trevisatletica può puntare in alto. Sognare, a questo punto, non è vietato.

 

Positivo anche il comportamento della formazione femminile, per la quale questanno cerano minori aspettative, arrivata a mancare, non di molto, la finale B (59° punteggio in Italia).

 

In attesa di applaudire la squadra impegnata nella finale A Bronzo di Orvieto, nel weekend quattro atleti di Trevisatletica sono impegnati ai campionati italiani juniores e promesse, in svolgimento a Rieti. Tra le promesse gareggeranno Andrea Berto (110 ostacoli), Samantha Zago (400) e la nuova arrivata Anna Carollo (giavellotto). A livello juniores, impegno tricolore per Elena Ruzzier (salto triplo).     

-Nella foto allegata: i mezzofondisti Riccardo Tamassia (a sinistra) e Stefano Ghenda, due punti di forza della formazione maschile assoluta di Trevisatletica

……………………………………………………………………………………………………………

Team Treviso festeggia un doppio traguardo

Team Treviso festeggia un doppio traguardo: la promozione in Finale “A” Bronzo, la terza in ordine di importanza nel panorama nazionale, della squadra femminile e la prima volta nella Finale “B”, la quarta per importanza, di quella maschile.

Lo scorso giugno le ragazze si erano guadagnate la promozione grazie all’argento nella Finale “B” 2018, e già nella prima delle due fasi regionali, svoltasi ad inizio maggio a San Biagio di Callalta, avevano acquisito i punteggi necessari a confermare la partecipazione.

È invece rimasta incerta fino ad oggi, ma per questo foriera di grande soddisfazione, la qualificazione dei ragazzi. Dopo aver posto delle buone basi a San Biagio, sabato e domenica scorsi a Vicenza, sede della seconda ed ultima fase regionale, i maschi di Team Treviso hanno lottato punto su punto per scalare la classifica nazionale. Con successo: come appena ufficializzato dalla FIDAL, i 13502 punti raccolti si sono rivelati essere un centinaio di punti sopra la soglia di partecipazione alla Finale “B”.

Appuntamento al weekend del 15-16 Giugno, quando le donne saranno impegnate ad Orvieto e gli uomini a La Spezia. Comunque vada, scriveranno un’altra pagina della loro storia.

 

 

………………………………………………

………………………………………………

 

Giugno 4th, 2019

DODICESIMA STAGIONE  - 2018

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

 

RASSEGNA STAMPA

dei nostri cari amici

SALIMA BARZANTI E MIRCO MARTOREL

 61963345_2801486516547534_6704815532446580736_n.jpg

 62369093_2801486573214195_2314653473196474368_o.jpg

62419676_2801907216505464_7503318655069847552_o.jpg

 61749048_2801486453214207_4498317702359678976_n.jpg

61624958_2801907193172133_3420228263354564608_o.jpg

………………………………………………

………………………………………………

Giugno 3rd, 2019

DODICESIMA STAGIONE  - 2018

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

 

 sbiagio-4x100m-allievi.jpg

CAMPIONATI DI SOCIETA’, MOLINAROLO DA APPLAUSI: 4.41 

 A Vicenza nuovo progresso per l’astista del Gruppo Atletico Coin che aggiunge 6 centimetri al primato personale e diventa la quinta italiana di sempre. Strati a 6.65 nel lungo  

Vincono anche Esposito e la Carrer

Bonora 52”54 Feletto 2.02 e la Dani 22”48!!!

Padova, 2 giugno 2019 – Nel segno dei salti al femminile la seconda prova veneta dei campionati italiani assoluti di società, andata in scena nel weekend a Vicenza. Ieri il ritorno su quote apprezzabili dellaltista Elena Vallortigara, salita a 1.90 per riscattare lopaca prestazione di giovedì sera nel freddo di Stoccolma. Oggi il nuovo progresso di Elisa Molinarolo, miglioratasi sino a 4.41 nellasta, quinta prestazione italiana di tutti i tempi. Il progresso della veronese dadozione padovana, in forza al Gruppo Atletico Coin, è di 6 centimetri rispetto alla sua miglior misura di sempre (4.35 indoor), dopo che domenica scorsa, a Bassano del Grappa, nel recupero della prima prova dei Societari, aveva portato il proprio primato outdoor a 4.30. Non solo: a Vicenza, oggi, sono decollate anche le lunghiste: Laura Strati (Atl. Vicentina), al debutto stagionale, ha saltato 6.65 (-0.3), seconda prestazione della carriera, al culmine di una serie di qualità, caratterizzata da quattro salti oltre i 6 metri e mezzo (a referto anche 6.60/+0.8, 6.59/+0.3 e 6.50/0.0). Anche Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) avvicina il suo miglior risultato di sempre con 6.28 (+0.1). Nelle altre gare, da segnalare il progresso dellallievo Davide Giambellini (Atl. Vicentina), secondo in 2181 (-1.2) nei 200 vinti da Francesco Greggio (Assindustria Sport Padova) in 2167. Terzo in 2187 il coetaneo Federico Guglielmi (Atl. Biotekna Marcon). Harold Barruecos Millet (Atl. Vicentina) si è imposto nel lungo con 7.63 (+0.6). Yusneysi Santiusti Caballero (Assindustria Sport Padova) ha dominato gli 800 in 20674. La junior Diletta Fortuna (Atl. Vicentina) non ha avuto rivali nel disco (45.46). 

 

RISULTATI.

UOMINI. 200 (-1.2): 1.  Francesco Greggio (Assindustria Sport Padova) 2167, 2. Davide Giambellini (Atl. Vicentina) 2181, 3. Federico Guglielmi (Atl. Biotekna Marcon) 2187. 800: 1. Riccardo Tamassia (Trevisatletica) 14915, 2. Mohamed Zerrad (Atl. Biotekna Marcon) 14973, 3. Enrico Brazzale (Atl. Vicentina) 15032. 400 hs: 1. Andrea Forcato (Assindustria Sport Padova) 5237, 2. Matteo Bonora (Team Treviso) 5254, 3. Michele Bertoldo (Atl. Vicentina) 5332.  Alto: 1. Federico Camuffo (Assindustria Sport Padova) 2.10, 2. Manuel Lando (Atl. Vicentina) 2.08. Lungo: 1. Harold Barruecos Millet (Atl. Vicentina) 7.63 (+0.6), 2. Alessio Guarini (Atl. Biotekna Marcon) 7.31 (+0.3), 3. Fabio Pagan (G.A. Coin) 7.21 (+0.7). Martello: 1. Michele Friso (Assindustria Sport Padova) 58.37, 2. Patrizio Di Blasio (Atl. Biotekna Marcon) 57.69, 3. Catalin Bodean (Atl. Vicentina) 55.71.

DONNE. 200 (-0.2): 1. Moillet Kouakou (Atl. Vicentina) 2458, 2. Anna Polinari (Fondazione Bentegodi) 2463, 3. Ilenia Carraro (Assindustria Sport Padova) 2530. 800: 1. Yusneysi Santiusti Caballero (Assindustria Sport Padova) 20674, 2. Ilaria Bonetto (G.A. Bassano) 21406. 400 hs: 1. Arianna Siviero (Lib. Sanp) 10277, 2. Zoe Tessarolo (Atl. Vicentina) 10318. Asta: 1. Elisa Molinarolo (G.A. Coin) 4.41, 2. Francesca Bellon (Atl. Vicentina) 3.90, 3. Elena Bisotto (G.A. Coin) 3.80.  Lungo: 1. Laura Strati (Atl. Vicentina) 6.65 (-0.3), 2. Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) 6.28 (+0.1), 3. Arianna Battistella (Atl. Vicentina) 6.10 (-0.3).  Disco: 1. Diletta Fortuna (Atl. Vicentina) 45.46.

 

RISULTATI (IN AGGIORNAMENTO)

tonella-e-camerotto-4x100m-fidenza.jpg

VENETO D’ARGENTO A FIDENZA, BANDAOGO DA RECORD 

 Ottimo secondo posto della rappresentativa regionale nella classica rassegna cadetti. Il vicentino dellAsi Atletica Breganze corre gli 80 in 890 diventando il secondo italiano di sempre e migliorando di due centesimi il primato regionale di Galbieri 

TONELLA, 36”30 LAZZARO, 2’37”29 GOUDADI 5’58”01, AAMRANI 3’30”25 e MOINO 14”41!!! 

Padova, 2 giugno 2019 Yassin Bandaogo trascina il Veneto ad un ottimo secondo posto nel Trofeo Città di Fidenza-Memorial Pratizzoli, vinto per la sesta volta consecutiva dalla Lombardia. Il velocista dellAsi Atletica Breganze corre gli 80 in 890 (+1.5), diventando il secondo italiano di sempre, dopo Enrico Sancin (878 sempre a Fidenza nel 2017). Per Bandaogo anche il nuovo record regionale: cancellato l892 realizzato da Giovanni Galbieri nel 2008. Il Veneto conquista a Fidenza dieci medaglie: tre ori, tre argenti e quattro bronzi. Dopo la vittoria negli 80, Bandaogo è anche lultimo frazionista della 4×100 che, completata da Federico Dicati,  Ilario Camerotto e Loris Tonella, sale sul gradino più alto del podio, correndo in 4382. Davanti a tutti anche Joel Turrini (Fondazione Bentegodi), atterrato a 6.76 (+1.5) nel lungo. Veneto, come detto, secondo alle spalle della Lombardia e davanti al Lazio. Poi altre 12 rappresentative regionali.     

 

I risultati veneti.

Cadetti. 80 (+1.5): 1. Yassin Bandaogo (Asi Atl. Breganze) 890. 300: 3. Loris Tonella (Nuova Atl. Roncade) 3630. 1000: 3. Giovanni Lazzaro (Atl. Quinto Mastella) 23729. 2000: 4. Sofyan Goudadi (Atl. Valdobbiadene Gsa) 55801. 1200 siepi: 4. Aymen El Aamrani (Atl. Pederobba) 33025. 100 hs (+0.7): 6. Simone Moino (Atl. Biotekna Marcon) 1441. Alto: 7. Andrea Pozza (Atl. Marostica Vimar) 1.75. Lungo: 1. Joel Turrini (Lib. Rossetto Lugagnano) 6.76 (+1.5). Peso: 6. Matteo Zordan (Asi Atl. Breganze) 13.84. Martello: 5. Francesco Suppa (Asi Atl. Breganze) 47.70. Giavellotto: 5. Federico Stevanella (Gsd Valdalpone De Megni) 46.03. Marcia (3 km): 12. Giacomo Bertolazzi (Gsd Valdalpone De Megni) 161989. 4×100: 1. Veneto (Federico Dicati/Gs Fiamme Oro Padova, Bandaogo, Ilario Camerotto/Atl. Santa Lucia di Piave, Tonella) 4382.

 

Cadette. 80 (-0.7): 4. Laura Franceschi (Assindustria Sport Padova) 1017. 300: 10. Giulia Fongaro (Atl. Ovet Vicentino) 41.70. 1000: 3. Elisa Clementi (Csi Atl. Provincia di Vicenza) 30176. 2000: 9. Linda Conchetto (Venezia Runners Atl. Murano) 71479. 1200 siepi: 11. Francesca Maddalena (Gs Fiamme Oro Padova) 41186. 80 hs (+0.1): 5. Chiara Busnardo (Gs Marconi Cassola) 1233. Alto: 2. Giulia Gottardi (Verona Us Pindemonte) 1.60. Lungo: 8. Chiara Fantin (Confindustria Atl. Rovigo) 5.07 (0.0).  Peso: 2. Tarè Miriam Bergamo (Discobolo Atl. Rovigo) 13.10. Martello: 3. Vanessa Avogaro (Us Intrepida) 45.65. Giavellotto: 2. Sofia Panzarin (Atl. Marostica Vimar) 39.56. Marcia (3 km): 9. Anna Panozzo (Atl. Vis Abano) 171920. 4×100: 8. Veneto (Kadiratou Tcha Seffou/Lib. Sanp, Franceschi, Nadia Ciconti/Atl. Selva Bovolone, Fongaro) 49”65.

 

RISULTATI COMPLETI

…………………………………………………………………………………………………………………………….. 

 

CORSA IN MONTAGNA, IL TRENTINO FA TRIPLETTA 

 A Limana titoli italiani per Massimiliano Berti e Luna Giovanetti nella categoria allievi e per Francesco Ropelato tra i cadetti. Alla veneziana Beatrice Casagrande il titolo cadette. Campionato italiano cadetti per regioni al Veneto  

 PRIMA BEATRICE CASAGRANDE

b_lim_larrivo-di-beatrice-casagrande-2.jpg

Limana (Belluno), 2 giugno 2019 – “I miracoli di Val Morel” e lo spettacolo della corsa in montagna in una giornata da cartolina. I morbidi saliscendi della Valpiana, nel cuore delle Prealpi Bellunesi, terra cara allo scrittore Dino Buzzati, che qui ha ambientato uno dei suoi racconti più famosi, hanno assegnato in mattinata i titoli italiani giovanili, individuali e di società, della specialità. E’ stato un trionfo per il Trentino, che si è aggiudicato tre titoli individuali su quattro. Merito di Massimiliano Berti (S.A. Valchiese) e Luna Giovanetti (Atletica Valle di Cembra), protagonisti nella categoria allievi, e di Francesco Ropelato (Us Quercia Trentingrana), leader tra i cadetti. Il quarto titolo individuale è finito in Veneto, grazie a Beatrice Casagrande (Atl. Due Torri Sporting Noale), atleta veneziana, alla prima gara di corsa in montagna della carriera. Il Veneto, dopo 11 anni, è tornato sul gradino più alto del podio nel campionato italiano cadetti per regioni. Ai padroni di casa anche la classifica femminile, mentre a livello maschile ha festeggiato il Trentino. Podistica Valle Varaita e Sportclub Merano si sono aggiudicate il titolo italiano di società rispettivamente tra gli allievi e le allieve. Bellunoatletica M.G.B. società organizzatrice della rassegna, e Sportclub Merano si sono invece imposti rispettivamente tra i cadetti e le cadette.     

 

ALLIEVE (3240 m) – Finisce in Trentino la prima maglia tricolore della giornata. La conclusione del primo giro regala un gruppo ancora compatto. Poi prende il largo Luna Giovanetti, astro nascente dell’Atletica Valle di Cembra, 16 anni ancora da compiere, vincitrice del titolo italiano cadette nel 2018, stagione in cui si è anche laureata campionessa italiana di categoria nei 1200 siepi a Rieti. La tricolore di cross 2019, Katja Pattis (Suedtirol Team Club), è l’ultima ad arrendersi all’agile falcata di Luna Giovanetti, che si affaccia sul rettilineo d’arrivo con un margine di tutta sicurezza e chiude i 3.240 metri di gara in 14”03, 10” meglio di Katja Pattis. Terza la valdostana Axelle Vicari (Pol. Sant’Orso Aosta). Diciassettesima la bellunese Lucia De Lorenzo Tobolo (Atl. Comelico): è lei la campionessa veneta. 

 

ALLIEVI (4870 m) – Ancora Trentino nella gara allievi, dove appare netta la supremazia di Massimiliano Berti (Valchiese), che conferma il buon momento di forma dopo aver realizzato il miglior tempo di frazione, a Saluzzo, nel campionato di staffette. Già campione italiano cadetti 2018 di corsa campestre, Berti è giunto al traguardo in 18’59”, dopo una gara con poca storia. Alle sue spalle, Matteo Bardea (A.S. Lanzada, 19’21”) e Mattia Zen (Cus Insubria, 19’25”). Patrick Da Rold (Atl. Dolomiti), ottavo, è il campione veneto. 

 

CADETTE (2380 m) – Un’atleta di pianura, anzi addirittura di mare, vince a sorpresa il titolo cadette. Beatrice Casagrande vive al Lido di Venezia (“Dove l’unica salita è un cavalcavia”, dice papà Mauro, ex azzurro della pista) e difende i colori della Due Torri Sporting Club Noale. Quella di Limana era la sua prima esperienza nella corsa in montagna, ma l’interpretazione della gara è stata pressoché perfetta. Prima ha seguito come un’ombra la trentina Lia Nardon (Atl. Valle di Cembra). Poi, quando questa è andata in crisi, Beatrice Casagrande ha proseguito sull’onda dell’entusiasmo, andando a vincere in 10’27”. Sugli altri gradini del podio, l’accoppiata altoatesina dello Sportclub Merano formata da Anna Hofer (10’37”) ed Emily Vucemillo (10’45”).    

 

CADETTI (3240 m) – Dal cross alla corsa in montagna, il passo è breve per il trentino Francesco Ropelato. L’atleta dell’Us Quercia Trentingrana aveva vinto la maglia tricolore il 10 marzo a Venaria Reale e si è ripetuto a Limana, recitando da protagonista assoluto. Il ritiro del figlio d’arte Fabio Rinaldi (Atl. Vallecamonica), ha spianato la strada a Ropelato che ha chiuso in 12’21”. Argento, dopo una splendida gara in rimonta, per Samuel Mazzucco, portacolori della società organizzatrice Bellunoatletica M.G.B., arrivato a 41” dal vincitore (13’03”). Bronzo per Davide Ghio (Asd Rigaudo I Love Sport, 13’09”).  

 

SUCCESSO ORGANIZZATIVO – “Abbiamo avuto 400 concorrenti al via tra le gare di campionato italiano e quelle delle categorie ragazzi ed esordienti. Un’ottima partecipazione per un evento al quale lavoriamo dallo scorso anno e per il quale le piogge continue delle settimane scorse ci hanno messo a dura prova - commenta Elio Dal Magro, presidente di Bellunoatletica Mgb e coordinatore della manifestazione -. Si è trattato di un bel lavoro di squadra che abbiamo portato avanti insieme a tante realtà locali e a tanti volontari. Il modo migliore per onorare la memoria di Maurizio Da Rold, atleta di spessore nazionale nel mezzofondo e primo presidente di Bellunoatletica, che ci ha lasciato, troppo presto, dieci anni fa. Come Veneto e come Bellunoatletica siamo felicissimi anche per il risultato tecnico: i nostri ragazzi sono stati davvero bravi”.

 

RISULTATI. MASCHILI. Allievi (4870 m): 1. Massimiliano Berti (S.A. Valchiese) 18’59”, 2. Matteo Bardea (A.S. Lanzada) 19’21”, 3. Mattia Zen (Cus Insubria) 19’25”. Società: 1. Asd Podistica Valle Varaita 158, 2. Pol. Albosaggia 146, 3. Atletica Giò 22 Rivera 142.

 

 

Cadetti (3240 m): 1. Francesco Ropelato (Us Quercia Trentingrana) 12’21”, 2. Samuel Mazzucco (Bellunoatletica M.G.B.) 13’03”, 3. Davide Ghio (Asd Rigaudo I Love Sport) 13’09”. Società: 1. Bellunoatletica M.G.B. 166, 2. Atl. Valle di Cembra 122, 3. Asd Pont-Saint-Martin 112. Campionato italiano per regioni: 1.  Trentino 12, 2. Veneto 12, 3. Piemonte 12.

Ragazzi (1290 m): 1. Lorenzo De Fanti (Gs Quantin Alpenplus) 4’52” (campione regionale), 2. Michele Moleri (U.S. Rogno) 5’01”, 3. Francesco Ghio (Asd Podistica Valle Varaita) 5’05”. Esordienti (600 m): 1. Hubert Pomoni (Premana) 2’48”, 2. Francesco Gianola (Premana) 2’50”, 3. Tommaso Gerardini (Gs Quantin Alpenplus) 2’53”.

 

FEMMINILI. Allieve (3240 m): 1. Luna Giovanetti (Atl. Valle di Cembra) 14’03”, 2. Katja Pattis (Suedtirol Team Club) 14’13”, 3. Axelle Vicari (Pol. Sant’Orso Aosta) 14’19”. Società: 1. Sportclub Merano 100, 2. Atl. Valle Brembana 76, 3. S.A. Valchiese 72. 

Cadette (2380 m): 1. Beatrice Casagrande (Atl. Due Torri Sporting Noale) 10’27”, 2. Anna Hofer (Sportclub Merano) 10’37”, 3. Emily Vucemillo (Sportclub Merano) 10’45”. Società: 1. Sportclub Merano 171, 2. Atl. Valle di Cembra 104, 3. Atl. Valle Brembana 92. Campionato italiano per regioni: 1. Veneto 9, 2. Alto Adige 10, 3. Piemonte 11.  Campionato italiano per regioni (combinata): 1. Veneto 21, 2. Piemonte 23, 3. Trentino 35, 4. Lombardia 66, 5. Alto Adige 98. 6. Toscana 99, 7. Valle d’Aosta 161, 8. Puglia 183.   

Ragazze (1290 m): 1.  Rachele Peloso (Atl. Marostica Vimar) 5’37” (campionessa regionale), 2. Aurora Combi (C.S. Cortenova) 5’42”, 3. Noemi Gini (G.P. Valchiavenna) 5’43”. Esordienti (600 m): 1. Denise Mascheri (C.S. Cortenova) 2’57”, 2. Alice De Pasqual (Gs Quantin Alpenplus) 3’10”, 3. Veronica Viel (Gs Quantin Alpenplus) 3’12”. 

 

CLASSIFICHE COMPLETE

 

AL MEETING DELL’ALTO ADRIATICO

pola-2019.jpg

 Il 13o Meeting dell’Alto Adriatico è stata un edizione in qualche modo speciale. Ringrazio quindi prima di tutto coloro che hanno voluto essere presenti e chi in modi diversi ci ha aiutato per organizzare il Meeting. 
Vince per il secondo anno consecutivo l’Atletica Santa Lucia di Piave, ed è quinta l’Atletica Sernaglia. 
Ecco i risultati più rilevanti:
60m RE
2 - Zanardo Veronica 8.53 (ATL. S.Lucia)
3 - Dufour Carolina 8.54 (ATL. S.Lucia)
60m RI
1 - Palù Manuel 8.63 (ATL. S.Lucia)
3 - Sciancalepore Giovanni 8.76 (ATL. S.Lucia)
Salto in alto RE
1 - De Luca Ludovica 1.43 (ATL. S.Lucia)
3 - Dufour Carolina 1.35 (ATL. S.Lucia)
Vortex RI
1 - Sciancalepore Giovanni 52.59 (ATL. S.Lucia)
Vortex RE
3 - Stella Rachele 38.43 (ATL. Sernaglia)
600m RI
1 - Ballancin Gioele 1′53″ (ATL. Sernaglia)
600m RE
2 - Morona Alessandra 1′54″ (ATL. Sernaglia)
Lungo CI
1 - Panatta Christian 5.52 (ATL. S.Lucia)
2 - Quattara Tieba 5.42 (ATL. Sernaglia)
3 - Pol Vittorio 5.40 (ATL. S.Lucia)
80m CI
1 - Pol Vittorio 9.62 (ATL. S.Lucia)
3 - Barbari Francesco 9.75 (ATL. S.Lucia)
80m CE
1 - Mariotto Francesca 10.75 (ATL. S.Lucia)
Peso CI
1 - Busatto Damiano 10.59 (ATL. S.Lucia)
2 - Casagrande Tommaso 8.53 (ATL. S.Lucia)
3 - Bolla Leonardo 8.34 (ATL. S.Lucia)
Peso CE
3 - Minato Silvia 9.04 (ATL. S.Lucia)
Disco CI
1 - Busatto Damiano 25.63 (ATL. S.Lucia)
2 - Roberto Matteo 19.31 (ATL. S.Lucia)
3 - Casagrande Tommaso 15.04 (ATL. S.Lucia)
Disco CE
2 - Minato Silvia 17.85 (ATL. S.Lucia)
1000m CI
1 - Morona Federico 2′58″ (ATL. Sernaglia)
1000m CE
1 - Furlan Anna 3’34″ (ATL. Sernaglia)
Disco AI
1 - Delton Nicolas 37.84 P.B. (ATL. Ponzano)
200m AE
2 - Vidor Noemi 28.60 P.B. (ATL. Ponzano)

………………………………………………

………………………………………………

Giugno 2nd, 2019

DODICESIMA STAGIONE  - 2018

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

SOCIETARI ASSOLUTI, VALLORTIGARA TORNA IN ALTO: 1.90 

 A Vicenza, nella giornata inaugurale della seconda prova regionale della massima rassegna di club, l’altista azzurra eguaglia il primato stagionale, riscattando l’opaca prova offerta due giorni nel freddo di Stoccolma in Diamond League. Chiara Rosa a 16.65 nel peso  

 Vincono Bonora Feletto

la Meneghini e la Gaspa

4×100m. Trevisatletica prima in  49”17

Lahbi 49″29, Campeol 3′52″08

Camattari 14.68 Ogbekene 11.76

 

Vicenza, 1 giugno 2019 – Dopo il freddo di Stoccolma, il caldo di Vicenza. Ed Elena Vallortigara torna a volare. Laltista vicentina è la stella della giornata inaugurale della seconda fase veneta dei campionati italiani assoluti di società, e non tradisce le attese. Entra in gara già a 1.66, poi non commette errori sino a 1.86. Mostra qualche incertezza a 1.90, misura superata solo al terzo tentativo. E la sua gara finisce a 1.92. Elena ritrova certezze che parevano smarrite solo due giorni fa a Stoccolma, in Diamond League, dove latleta dei Carabinieri (oggi in gara con la maglia dellAssindustria Sport Padova) non aveva fatto meglio di 1.78 in una serata condizionata dal gran freddo. Vallortigara eguaglia dunque il primato stagionale, bissando la misura già ottenuta a Siena nel debutto del 25 aprile. Nelloccasione, Elena ha anche ricevuto il premio di Atleta veneta dellanno 2018 che non aveva potuto ritirare, a fine marzo, nella Festa regionale di Borgoricco. Al suo fianco, sul podio, anche la junior Rebecca Pavan (G.A. Coin), 18 anni ieri, salita a 1.77, terza misura della carriera e primato stagionale, e lallieva dorigine romena Rebecca Mihalescul (Fondazione Bentegodi), brava ad aggiungere un centimetro al personale (1.73). Il pomeriggio vicentino si è aperto con il successo della junior Alice Muraro (Atl. Vicentina) nei 100 ostacoli: sei giorni dopo il 1383 di Ravenna, il suo 1409 (-1.1) vale il secondo tempo della carriera. Matteo Bonora (Team Treviso) si è aggiudicato i 110 ostacoli con il primato stagionale (1470, -0.5). Segnali positivi anche dallex azzurrino Michele Rancan. Lo sprinter berico si conferma in crescita (dopo il 2110 ventoso ottenuto a Rieti nei 200) e vince i 100 in 1078 (vento nullo), limando 5 centesimi ad un record personale risalente al 2015. Alle sue spalle, miglior prestazione di sempre anche per lo junior Abdoullatif Compaore (Assindustria Sport Padova), sprinter originario del Burkina Faso, che, con 1086 (+0.4), lima un centesimo al proprio record. Alessandro Franceschini (Atl. Biotekna Marcon) vince un bel 400 in 4837, precedendo lo junior di casa, Pietro Marangon (4892). Il campione italiano Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) domina i 3000 siepi in 91337. Unaltra tricolore, Chiara Rosa (Lib. Sanp), raccoglie applausi nel peso (16.65). Curiosità dal lancio del disco: a 51 anni, e a cinque stagioni dallultima gara, si è rivisto in pedana lex azzurro Diego Fortuna. Lex carabiniere, ora in forza allAtletica Vicentina, ha lanciato a 46.92, misura che gli è valso il secondo posto alle spalle di Emanuele Cavaliere (G.A. Coin), di 24 anni più giovane (47.70). Domani, nella seconda giornata della rassegna vicentina, applaudirà la promettente figlia Diletta, impegnata sulla stessa pedana.  

 

RISULTATI (IN AGGIORNAMENTO). UOMINI. 100 (0.0): 1. Michele Rancan (Atl. Vicentina) 1078, 2. Abdoullatif Compaore (Assindustria Sport Padova) 1086 (+0.4). 400: 1. Alessandro Franceschini (Atl. Biotekna Marcon) 4837, 2. Pietro Marangon (Atl. Vicentina) 4892, 3. Jacopo Lahbi (Atl. Mogliano) 4929. 3000 siepi: 1. Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) 91337, 2. Stefano Ghenda (Trevisatletica) 92646. 110 ostacoli (-0.5): 1. Matteo Bonora (Team Treviso) 1470, 2. Massimo Avitabile (Atl. Vicentina) 1519 (0.0). Triplo: 1. Riccardo Appoloni (Expandia Atl. Insieme Verona) 15.19 (+0.1), 2. Francesco Battistello (Atl. Vicentina) 14.99 (+0.2). Disco:  1.  Emanuele Cavaliere (G.A. Coin) 47.70, 2. Diego Fortuna (Atl. Vicentina) 46.92. 4×100: 1. Atl. Vicentina (Schiavetto, Cappellari, Quarshie, Guene) 4219. DONNE. 100 (-0.6): 1. Moillet Kouakou (Atl. Vicentina) 1209, 2. Carol Zangobbo (Assindustria Sport Padova) 1217, 3. Alice Muraro (Atl. Vicentina) 1223 (+0.3).  400: 1. Alice Giuliana Gaspa (Trevisatletica) 5943. 3000 siepi: 1. Agnese Carcano (Atl. Verona Asd Pindemonte) 120143. 100 ostacoli (-1.1): 1. Alice Muraro (Atl. Vicentina) 1409, 2. Veronica Zanon (Assindustria Sport Padova) 1485 (0.0). Peso: 1. Chiara Rosa (Lib. Sanp) 16.65. Martello: 1. Greta Zin (Assindustria Sport Padova) 52.47, 2. Emily Conte (Corpolibero Athletics Team) 49.92. Alto: 1. Elena Vallortigara (Assindustria Sport Padova) 1.90, 2. Rebecca Pavan (G.A. Coin) 1.77, 3. Rebecca Mihalescul (Fondazione Bentegodi) 1.73. 4×100: 1. Trevisatletica  (Ettari Cohn, Lorenzon, Barbiero, Secco) 4917.

 

RISULTATI

 

 

………………………………………………………………………………………………………

……………………………………………………………………………………………………………………………..

emanuela-zalamena-mosnigo_copy.jpg

Col San Martino: addio a Emanuela Zalamena, originaria di Mosnigo ed ex campionessa di atletica

E’ mancata lo scorso giovedì 30 maggio, dopo lunga malattia, all’età di 61 anni, Emanuela Zalamena in Salton (nella foto).  Originaria della frazione Mosnigo di Moriago della Battaglia, viveva con la famiglia a Col San Martino ed aveva lavorato come impiegata alla Zg Mobili di Moriago ed in seguito alla ditta Funghi del Montello a Pederobba ed alla Stefania di Farra di Soligo.

Da giovane, a fine anni Sessanta e primi anni Settanta, è stata una nota atleta di corsa. “Emanuela era potenzialmente un talento - la ricorda Bruno Pollini, al tempo suo allenatore alla società sportiva Ardita di Moriago  - Un vero peccato che abbia smesso di correre troppo presto a causa di un dolore muscolare alla gamba destra, perché come fisico, se avesse continuato, sarebbe potuta arrivare in alto”.

“Ha praticato atletica da giovanissima fino alla categoria Allieve - continua - Tra i risultati ottenuti ha vinto per due anni consecutivi le fasi provinciali dei Giochi della Gioventù e la fase regionale arrivando alla finale a Roma (1000m in 3’10”0 nel 1972, a tredici anni). Ha vinto un campionato regionale campestre organizzato dal Centro Sportivo Italiano, è arrivata seconda al Criterium Nazionale degli enti di attività sportiva campestre. Ha partecipato a importanti gare federali dove si è trovata a correre anche con Gabriella Dorio, la campionessa padovana che nel 1984 ha vinto le olimpiadi di Los Angeles nei 1.500 metri”.

 

Emanuela lascia il marito Daniele, le figlie Maria Elena con Carlo, Agnese con Luca, gli adorati nipotini: Azzurra, Manuel, Gioia ed Elia, la mamma Fabiola, i fratelli Mauro e Denis, la sorella Nicoletta, i cognati, i nipoti e amici tutti. Il funerale avrà luogo lunedì 3 giugno alle ore 15 nella chiesa parrocchiale di Mosnigo ed il rosario sarà recitato domani, domenica 2 giugno, alle ore 19, sempre nella parrocchiale di Mosnigo. Eventuali offerte consegnate direttamente alla famiglia saranno devolute alla fondazione Airc per la ricerca sul cancro.

(Fonte: Antonella Callegaro © Qdpnews.it).

………………………………………………

………………………………………………