Agosto 8th, 2022

QUINDICESIMA STAGIONE 2022

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

tonella-cali-2022.jpg

MONDIALI UNDER 20: TONELLA E FAGGIN AI PIEDI DEL PODIO CON LA 4X100

 

Ai Mondiali under 20 di Cali (Colombia), nella serata dell’oro di Rachele Mori nel martello e del bronzo di Marta Amani nel lungo, c’è spazio anche per il quarto posto della staffetta maschile 4×100, composta per metà da atleti veneti, con il trevigiano Loris Tonella in seconda frazione e il padovano Alessio Faggin in quarta. Ottavo Mattia Furlani (Fiamme Oro Padova) nell’alto.

TONELLA-FAGGIN AI PIEDI DEL PODIO – Quarti gli uomini (dopo la squalifica del Sudafrica) della 4×100. E’ perfezionabile il cambio tra il terzo frazionista Alessandro Malvezzi e il quarto, il padovano Alessio Faggin (Fiamme Oro Padova), decisamente lungo, con annessa perdita di centesimi preziosi. Il rettilineo del semifinalista dei 100 è però da applausi, con una posizione guadagnata sulla Nigeria e il momentaneo quinto posto, diventato poi quarto per l’esclusione dei vincitori del Sudafrica a causa di un’invasione di corsia. Italia quarta con 39”77 (Eduardo Longobardi e il trevigiano dell’Atletica Biotekna, Loris Tonella, nelle prime due frazioni) a due decimi dal bronzo degli Stati Uniti (39”57), non senza un pizzico di rammarico. L’oro passa al Giappone (39”35), due millesimi di vantaggio sulla Giamaica (39”35).

LAZZARO OUT – Niente da fare per l’ottocentista trevigiano Giovanni Lazzaro (Assindustria Sport), ottavo nella sua semifinale con 1’51”72. Era piaciuto nella batteria del giorno prima (1’48”96), ma evidentemente non ha retto lo sforzo ravvicinato. Niente finale neanche per le staffette 4×400. Italia mai realmente in gara con le donne, dove Zoe Tessarolo (Atl. Vicentina) è stata schierata in terza frazione. Lontane la Finlandia (3’34”10), l’India (3’34”18) e la Nigeria (3’36”89), azzurre al traguardo in 3’40”79, complessivamente dodicesime.

(foto Mateo/FIDAL)

 

 

………………………………………………………………………………………..

 297640518_446123637525280_5277202848653932778_n.jpg

 

MONDIALI UNDER 20:

BELLA PRESENZA A CALI’ DEI NOSTRI TRE MOSCHETTIERI

pur fermandosi alle semifinali (proibitive), hanno confermato il loro valore.

lazzaro-a-cali.jpg

 

RICCARDO GANZ 51”96

GIOVANNI LAZZARO 1’48”89

LORIS TONELLA 20”95 (primato trevigiano)

297599361_2320668661435553_1220007341826061737_n.jpg

Dalla Fidal Nazionale


Avanza in semifinale Giovanni Lazzaro negli 800 metri, terzo in batteria con 1:48.89.

800 - In semifinale in carrozza: c’è la Q maiuscola accanto al nome del trevigiano Giovanni Lazzaro, terzo nella sua batteria degli 800 metri, piazzamento che gli consente di proseguire il Mondiale con un tempo di 1:48.89 e con una prova che evidenzia personalità, a braccetto con il polacco Kacper Lewalski (1:48.59) e il norvegese Ole Jakob Solbu (1:48.78).

 

TONELLA PB - Esce di scena con il sorriso Loris Tonella. Per il trevigiano l’avventura iridata nei 200 metri si chiude firmando il record personale di 20.95 (-0.2) con due centesimi di progresso, sesto in quella che si rivela la semifinale più rapida a soli due centesimi dalla quarta posizione (quattordicesimo tempo complessivo). È la seconda volta sotto i ventuno secondi del 18enne veneto, che aveva corso in 20.97 per piazzarsi quarto agli Assoluti di Rieti e adesso consolida il decimo posto nelle liste italiane juniores di sempre.

 

GANZ E TONELLA IN SEMIFINALE, TEBOGO 19.99 - Uno su due nei 400hs: Riccardo Ganz passa, Luca Ostanello è out. Nell’ultima delle sette batterie, il trevigiano Ganz si districa bene tra le barriere (51.96), è quarto e approfitta del tempo di ripescaggio, il diciannovesimo crono totale. Domani sera l’appuntamento con la semifinale. Nella sesta batteria, lo stesso compito non era riuscito al veneziano Ostanello, non meglio di 53.10. Nei 200 metri, va a bersaglio un altro veneto, il trevigiano Loris Tonella: bella impressione, Q maiuscola con 21.24 (vento contrario di -1.4), e semifinale della serata in cassaforte, sulla scia dello svedese Erik Erlandsson (21.06).

……………………………………………

PILLOLE

A VICENZA buoni risultati per Luciano Boidi nel peso (15.71), per Nikol Marsura che si migliora ancora negli 800m. (2’11”30), come pure Francesco Capovilla sui 400m. (49”74) e Caterina Belli sui 100m. (12”72).

 

A TUTTI BUON FERRAGOSTO!!!

……………………………………………………

……………………………………………………

 

Agosto 3rd, 2022

QUINDICESIMA STAGIONE 2022

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 

 296217037_5151136735008398_4132575308145514483_n.jpg

 

LORENZA DE NONI ANCORA A MEDAGLIA ALL’EYOF: È D’ORO CON LA STAFFETTA AZZURRA

 

Nuova medaglia in casa Atletica Silca Conegliano. Bis al Festival olimpico della gioventù europea (EYOF) per Lorenza De Noni, che dopo l’argento conquistato giovedì negli 800 metri, festeggia oggi l’oro con la staffetta “svedese” a frazioni crescenti (100-200-300-400). La sedicenne coneglianese ieri, venerdì 29 luglio, ha corso in quarta frazione nella batteria di qualificazione per la finale della rassegna in corso a Banska Bystrica, in Slovacchia. Fondamentale il suo apporto nella vittoria del team azzurro nella propria batteria con il passaggio di turno (e anche la conquista di una buona corsia, grazie al tempo di 2’12’’41) all’ultima prova, quella dove si corre per le medaglie. La direzione tecnica della squadra italiana ha poi scelto, come componenti della staffetta azzurra per la finale di oggi, Alice Pagliarini, Sofia Pizzato, Valentina Vaccari ed Elisa Marcello. Per loro la vittoria in 2’11’’27 davanti alla Polonia e all’Ungheria. Sul podio a cantare l’inno di Mameli e a veder sventolare la bandiera tricolore è salita anche Lorenza, mezzofondista veloce, specialista degli 800, che ha corso poche volte i 400 metri, ma ha dimostrato sicurezza e buoni margini di miglioramento. Per lei una gioia immensa. Una stagione davvero da incorniciare per la portacolori di Atletica Silca Conegliano che studia al liceo scientifico Marconi di Conegliano ed è allenata, allo stadio comunale Soldan di Conegliano, da coach Massimo Furcas. Già campionessa italiana nel 2021, nella categoria Cadette, nella distanza dei 1000 metri, a giugno, al primo anno nella categoria Allieve, nella rassegna under 18 di Milano, si è messa al collo la medaglia di bronzo negli 800 metri. Per lei, in questa estate azzurrissima, dove tra l’altro ha corso in 2’09’’07, miglior prestazione italiana 2022 per la categoria allieve, anche la partecipazione ai Campionati Europei Under 18 di Gerusalemme.

Grande soddisfazione in Atletica Silca Conegliano, con il presidente Francesco Piccin a guidare il tifo di tutta la società, staff, allenatori, compagni di squadra e collaboratori.

………………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

Nelle batterie della staffetta svedese 1-2-3-4 siamo in terza, con Pagliarini, Vaccari, Marcello e De Noni, sulla carta una squadra davvero competitiva che schiera ben tre medagliate e quattro finaliste (anche se De Noni sulla doppia distanza). E la spinta delle frazioni veloci consegna all’ultima frazionista una situazione di facile controllo. Passiamo con 2.12.41, ampiamente miglior crono delle tre semifinali.

Più difficile la batteria maschile, anche perché nel settore velocità Vera e Togni (ostacolista prestato ai 200) soffrono parecchio. Ci pensa Azzolina però a compiere una rimonta prodigiosa dal quarto posto riprendendo il gruppo di testa con la sua frazione da 300. L’unica pecca di Latena Cervone – oro negli 800 – è partire da fermo aspettando quasi lo scontro col compagno, per il resto è perfetto, e con una frazione furiosa va a prendersi la vittoria in batteria col tempo di 1.57.92, secondo complessivo dopo i polacchi.

…………………………………………………………………………………………………………

EYOF: STAFFETTA D’ORO CON DE NONI, AZZOLINA SETTIMO CON IL QUARTETTO MASCHILE

podio_staffetta-768x432.jpg

C’è del Veneto nel quarto e ultimo oro conquistato dall’Italia al Festival olimpico della gioventù europea (EYOF) terminato oggi a Banská Bystrica (Slovacchia).

Alla staffetta femminile a frazioni crescenti (100-200-300-400) che completa il poker di vittorie azzurre contribuisce anche Lorenza De Noni (Atl. Silca Conegliano). La trevigiana non corre la finale, ma era stata schierata in batteria, come ultima frazionista, nel quartetto che aveva realizzato il miglior tempo di qualificazione.

Oggi sono scese in pista Alice Pagliarini, Sofia Pizzato, Valentina Vaccari ed Elisa Marcello. Dopo una serie di sorpassi e controsorpassi, con quattro squadre a contendersi il successo, è quest’ultima ad infilarsi all’interno nell’ultimo rettilineo per tagliare il traguardo davanti a tutte. L’Italia è d’oro in 2’11”27 con tre centesimi di vantaggio sulla Polonia (2’11”30), che non completa la rimonta, bronzo all’Ungheria (2’11”59) e fuori dal podio la Repubblica Ceca (quarta in 2’11”72), leader fino a pochi metri dall’arrivo. Sul podio con le quattro atlete della finale sale così anche Lorenza De Noni, già argento giovedì negli 800.

azzolina_federico_ph-atleticamente-300x230.jpg

Settima la staffetta azzurra maschile formata da Lorenzo Vera, Matteo Togni, Federico Azzolina (Trevisatletica) e Latena Cervone, oro dei 1500. Per gli azzurrini, con il trevigiano Azzolina in terza frazione, il tempo di 1’58”08 mentre la vittoria è della Polonia in 1’53”70.

Per l’Italia, a conti fatti, è il miglior bilancio di sempre nelle sedici edizioni del Festival olimpico della gioventù europea. Undici volte sul podio in Slovacchia: 4 ori, 2 argenti e 5 bronzi, superando il massimo storico per numero di medaglie (otto nel 2011 e nel 2017) e di vittorie (tre nel 2005) in questa rassegna, stavolta dedicata agli under 17.

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………………..

 

LORENZA DE NONI È D’ARGENTO NEGLI 800 DEL FESTIVAL OLIMPICO DELLA GIOVENTÙ EUROPEA

 295557511_2313582975477455_1189401200893256655_n.jpg

Spettacolo d’argento oggi, giovedì 28  luglio, a Banska Bystrica, in Slovacchia. Lorenza De Noni è medaglia d’argento negli 800 metri del Festival olimpico della gioventù europea (EYOF), dedicato ai giovani nati negli anni 2006 e 2007. Nella rassegna under 17 la sedicenne coneglianese, portacolori di Atletica Silca Conegliano, è stata protagonista di una gara intelligente, nella quale, dopo una prima parte in mezzo al gruppo, è riuscita a lanciare un’imperiosa volata che le ha permesso di recuperare posizioni, fino a salire sul secondo gradino del podio. Per lei la gioia d’argento, con il crono di 2’12’’49, dietro alla serba Rajic. Dopo aver partecipato agli Europei under 18 di Gerusalemme, la trevigiana ha prima passato il turno con una gara in cui ha cercato di risparmiare importanti energie e poi appunto vissuto da protagonista la finale per le medaglie.

La mezzofondista veloce allenata da Massimo Furcas, già campionessa italiana lo scorso anno, nella categoria Cadette, nella distanza dei 1000 metri, al primo anno nella categoria Allieve, nella rassegna under 18 di Milano di giugno, era stata di bronzo. La figlia d’arte (la mamma Veronica Piutti è stata ottocentista azzurra), studentessa al liceo scientifico Marconi di Conegliano, quest’anno ha corso il doppio giro di pista in 2’09’’07, tempo che è il nuovo primato personale, che rappresenta la miglior prestazione italiana stagionale allieve ed è tra le migliori venti in Europa.

“Grande impresa della nostra Lorenza che ha combattuto alla grande nella pancia del gruppo ed è riuscita a trovare un varco per lanciare una volata che si è conclusa con una rimonta d’oro – commenta il presidente di Atletica Silca Conegliano, Francesco Piccin – dopo il bronzo tricolore e la prima maglia azzurra agli Europei under 18, anche con il nostro campione italiano Stefano Menegale, festeggiamo alla grande quest’estate azzurrissima per Atletica Silca Conegliano. Un grande applauso a Lorenza, al suo allenatore Massimo Furcas, alla famiglia, al gruppo di allenamento e a tutti i compagni di squadra, ai tecnici e allo staff della società che hanno contribuito a questo risultato. E adesso tutti in ritiro a passo Oclini, in provincia di Bolzano, dove i nostri ragazzi avranno un’altra opportunità per allenarsi insieme e fare squadra”.

 

…………………………………………………………..

 

L’ITALIA TORNA DAI WMA DI TAMPERE CON 65 MEDAGLIE

TRE DI QUESTE LE HA CONQUISTATE IL SOCIO UNVS DI TREVISO GIORGIO BORTOLOZZI

 bortolozzi-giorgio-22.jpg

Si sono conclusi a Tampere in Finlandia i World Masters Athletics 2022 e ancora una volta il nostro Giorgio Bortolozzi, socio UNVS di Treviso, ha riportato a casa un bel bottino.

Dal 29 giugno al 10 luglio la Finlandia ha ospitato l’evento mondiale dedicato agli atleti non professionisti di oltre 35 anni e le categorie spaziavano incredibilmente fino alle Master 95.

Le gare si svolgevano al Ratina Stadium a pochi passi dal centro città, un impianto costruito nel 1966 e rinnovato definitivamente nel 2017 al punto da ospitare negli ultimi anni alcuni scontri di Coppa Uefa e i campionati IAAF World Athletics U21 nel 2018.

Per poco più di 10 giorni lo stadio ha accolto un enorme numero di atleti provenienti da 94 Paesi del mondo e 58 di loro sono entrati a far parte del medagliere finale: il maggior numero di podi è stato realizzato dai padroni di casa, che potevano anche contare sulla

compagine più numerosa. I finlandesi hanno chiuso i WMA con un totale di 328 medaglie di cui 110 d’oro, 113 d’argento e 105 in bronzo e al secondo posto troviamo la Germania con

158 medaglie in totale. L’Italia occupa il settimo posto nel medagliere mondiale dietro appunto a Finlandia, Germania, UK e Irlanda, USA, Spagna e Francia con un totale di 65 medaglie di cui 19 ori, 23 argento e 23 bronzo.

All’incredibile numero di medaglie conquistate ha contribuito non poco il trevigiano ottantacinquenne Giorgio Bortolozzi, atleta della sezione UNVS di Treviso, che ha collezionato nella trasferta un oro e due argenti. Nel dettaglio Bortolozzi ha nuovamente brillato nel salto in alto con l’asticella fissata a 1,13 metri mentre i due argenti sono arrivati nel salto in lungo, 3,30 i metri e nel triplo con ben 7,52 metri. Insomma un successo per l’atleta over 85 che anche questa volta si è distinto portando ben alto il vessillo dell’Unione

Veterani dello Sport di Treviso. Nel salto in lungo Bortolozzi si è ritrovato in un gruppo composto da cinque atleti e il vincitore è stato il tedesco Lotar Fischer che è riuscito a saltare 3,74 metri: alle spalle di Bortolozzi un altro italiano, Francesco Paderno, bronzo, che non è riuscito ad andare oltre i 3 metri e 06cm. Cinque gli atleti anche per il salto in alto dove addirittura la gara si è conclusa con un pari merito, e quindi due ori, per il nostro Bortolozzi e lo sloveno Marko Sluga. Nell’ultimo impegno di venerdì 7 luglio il trevigiano ha affrontato il salto triplo e per un soffio non è riuscito a regalare all’Italia il secondo oro: davanti a lui infatti, di nuovo il tedesco Lotar Fischer che è riuscito ad ottenere un 7,60 metri di soli 8 centimetri dunque, più lungo dell’inossidabile Giorgio Maria.

 

………………………………………………………………………………………..

MASTER, 164 TITOLI REGIONALI E UN PRIMATO ITALIANO A MONTEBELLUNA!

(a cura della Redazione Master) Nello scorso week end si sono disputati a Montebelluna i Campionati Regionali Master su pista. Le temperature tropicali non hanno fermato gli oltre 400 atleti/gara, provenienti anche da fuori regione.
IL PRIMATO ITALIANO
L’acuto è arrivato da Sante Galassi (Fratellanza Modena) capace di sgretolare la miglior prestazione italiana di categoria (m.p.i)  sui 400 ad ostacoli per la categoria SM50. “Ho trovato la pista particolarmente performante, e quelle condizioni ideali per la ritmica sugli ostacoli” ha dichiarato al termine della sua galoppata in solitaria dove a fermato il cronometro sul tempo di 57”15 Il precedente primato era stato da lui stesso stabilito 3 anni fa (58”47). Sante, appena rientrato da Tampere dove si è laureato vice-campione mondiale con 58”60, con questa prestazione avrebbe vinto il titolo iridato.

I 3 PRIMATI REGIONALI
Il primatista mondiale degli 800 metri indoor SM55 (Vedi News) Francesco D’Agostino (Atletica insieme Verona) ha migliorato il primato regionale di categoria sui 400 metri correndo in 54”62 (prec. 54”70, da lui stesso stabilito il mese scorso agli italiani di Grosseto). Dopo la delusione ai Mondiali di Tampere, dove è giunto “solo” settimo sugli 800 per problemi di salute, Francesco sta ritrovando lo stato di forma che ha caratterizzato l’inizio della sua stagione.

ruggio_2022_07-768x512.jpg

Primato regionale anche per Massimiliano Ruggio (Vittorio Atletica) nel salto con l’asta SM50 con 4,00 m. (prec. 3,95, stabilito sempre da Ruggio l’8 luglio scorso). Massimiliano, detentore della miglior prestazione italiana Indoor con 4.12 ha entusiasmato gli animi del pubblico presente tentando di valicare l’asticella a 4,26, ma l’appuntamento con il nuovo primato italiano outdoor è stato rinviato.

Il terzo primato veneto è stato firmato dalla cadorina Barbara Da Ros (Atleticadore – Giocallena Asd) nel giavellotto SF50 con la misura di 24,38 (prec. 23,45 – Elena Donatoni, 2021).

I RISULTATI IN EVIDENZA
Un nome nuovo si sta mettendo in evidenza nel mezzofondo master: si tratta di Giorgio Mazzer (Eurovo Atl. Pieve di Soligo), categoria SM60. Lo scorso anno, al suo primo Campionato Fidal, si è laureato campione regionale sui 5 km su strada SM55 (e bronzo nella classifica del campionato italiano) con 17:41, titolo bissato anche quest’anno a Motta di Livenza con il tempo di 17:13. La prima gara su pista della sua vita l’ha corsa al meeting del Montello, il 13 luglio scorso, correndo i 3.000 metri in 10’27″43.  In questi campionati Regionali ha vinto il suo primo 1.500 metri con l’ottimo tempo di 4’40″76, oltre a laurearsi campione regionale anche sui 5.000.  Un “giovane” master che avrà senz’alto ampi margini di miglioramento.

Articolo redatto da Rosa Marchi – Redazione Master

RISULTATI
CLASSIFICHE CAMPIONATO REGIONALE:
CORSE  – CONCORSI

PHOTO GALLERY:
SABATO  – DOMENICA (Atl-Eticamente Foto per FidalVeneto)
PODI (Ivan Signori)

Nelle foto:  Massimiliano Ruggio (Atl-Eticamente Foto per FidalVeneto)

———————————————————————————————–

Per segnalazioni scrivi a: redazione.master@fidalveneto.it.

………………………………………………….

PILLOLE

DA TRENTO NEL G.P. MEZZOFONDO ESTIVO: da rilevare nella prima giornata il 3’50”69  e il 4’35”13 sui 1500m. del redivivo Riccardo Donè e della bravissima Valentina Bernasconi; bene nella seconda giornata gli 800m dell’allievo Giovanni Lops (1’54”59) e di Giulia Menegale (2’11”57) e i 5000m. di Riccardo (14’26”28) e di Valentina (17’39”01); infine nell’ultima giornata buoni i 3000m. di Riccardo (8’20”60), Giacomo Esposito (8’28”71) e di Valentina scesa sotto i dieci minuti (9’51”26). Nei 2000m., progressi di Fabio Kleiss con 5’58”81.

bernasconi-valentina-4.jpg

A DOMEGGE DI CADORE exploit di Nikol Marsura che migliora i suoi 800m. di sempre siglando un probante 2’11”56.

 205526567_334946231364392_3020687895940865590_n.jpg

A NEMBRO migliora il suo PS sui 400m. Rebecca Borga con 53”47 mentre si fa vivo Matteo Bonora sui 110hs con 15”32.

 

A TRIESTE miglior stagionale nel triplo per Mattia Brunello con una performance di 14.61

 

A MERANO Leonardo Teruzzi ha corso i 200m. in 22”33

 

ASTA SEMPRE A BUONI LIVELLI, Matteo Miani a Firenze con 5.15 e Virginia Scardanzan a Novellara con 4.20.

 

 

 

 

……………………………………………………

……………………………………………………

 

Luglio 14th, 2022

QUINDICESIMA STAGIONE 2022

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol

 

 293415603_430295432441434_404945832725429953_n.jpg

TRICOLORI JUNIORES A RIETI

ORO PER MATTEO PERIN

ARGENTO ( no, contro la iella non rosico!)

PER RICCARDO GANZ E

292944801_1345617805973381_7839137083842756481_n.jpg

GIOVANNI LAZZARO

lazzaro-fidal.jpg

Altri due ori per il Veneto nella seconda giornata dei campionati italiani juniores, in svolgimento a Rieti. Li conquistano il veneziano Luca Ostanello nei 400 ostacoli e il bellunese Thomas Serafini nei 3000. Vicenza, oltre agli argenti di Marco Bernardi e Sofia Panzarin nel giavellotto, festeggia la vittoria nei 400 ostacoli di Alessia Seramondi, bresciana che da qualche tempo si allena sulla pista della città berica.

SERAMONDI & OSTANELLO - Finale femminile di altissimo profilo, con Giulia Ingenito (Sisport) a giocare la carta della temerarietà in avvio e l’atteso duello sulla retta finale tra Alessia Seramondi (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco) e Ludovica Cavo (Atl. Serravallese) che porta la 19enne bresciana alla leadership mondiale stagionale. Seramondi chiude in 57”29, quarto crono italiano juniores all time dietro Virna De Angeli (56”63), Linda Olivieri (57”00) e Ayomide Folorunso (57”19) per un progresso di oltre un secondo (aveva 58”56). Seramondi, campionessa italiana per la prima volta a soli 14 anni nel lungo cadette (di cui detiene la MPI con 6.14) nel 2017, aveva conquistato il primo titolo tricolore sulla distanza nel 2019 da allieva: nell’ultimo anno ha spostato il baricentro della propria vita in Veneto, con un nuovo tecnico (Lorenzo Muraro), un nuovo gruppo di allenamento e gli studi in psicologia all’università di Padova, lei che ha iniziato il ciclo scolastico con un anno di anticipo. Epilogo palpitante e per certi versi sportivamente drammatico nella finale maschile: Riccardo Ganz (Team Treviso), il favorito, parte a tutta e pare lanciato verso un grande tempo ma incoccia con la prima gamba nel decimo ostacolo ed è costretto a lasciare strada negli ultimi metri a Luca Ostanello (Asd Bunker Sport), al personale a 52”10. Ganz è comunque secondo a 52”21.

SERAFINI – Nei 3000 maschili a fare selezione è il leader delle graduatorie dei partenti Alessandro Pasquinucci (La Fratellanza 1874) ma nel serrate finale (2’36”0 l’ultimo chilometro) è Thomas Serafini (Athletic Club Firex Belluno) il matchwinner a 8’22”84 con due lombardi subito alle spalle, Mattia Campi (Pro Sesto) secondo in 8’25”01 ed Elmehdi Bouchouata (Interflumina è Più Pomì) terzo in 8’26”13.

LAZZARO & C. – Piace Giovanni Lazzaro negli 800. Il trevigiano di Assindustria Sport, al primo anno in categoria, è secondo in 1’48”19, ad appena 8/100 dal record personale, alle spalle del primatista italiano Pernici. L’Atletica Vicentina conquista due argenti nel giavellotto, con Marco Bernardi (66.05) e Sofia Panzarin (44.11). Due secondi posti anche per l’Atletica Riviera del Brenta, merito di Greta Brugnolo nel lungo (5.98, +1.1, con due soli salti all’attivo) e della 4×100 formata da Alice LubianaGiada Volpato, dalla stessa Brugnolo e da Elena Nessenzia.

    

Questi i nuovi campioni italiani juniores, con tutte le medaglie venete. 2^ GIORNATA. UOMINI. 800: 1. Francesco Pernici (Free-Zone) 1’47”67, 2. Giovanni Lazzaro (Assindustria Sport) 1’48”193000: 1. Thomas Serafini (Athletic Club Firex Belluno) 8’22”84. 5000: 1. Stefano Benzoni (Atl. Valle Brembana) 14’45”72. 110 hs (-0.6): 1. Damiano Dentato (Atl. Stud. Rieti Andrea Milardi) 13”82. 400 hs: 1. Luca Ostanello (Asd Bunker Sport) 52”10, 2. Riccardo Ganz (Team Treviso) 52”21Asta: 1. Simone Bertelli (Safatletica Piemonte) 5.25. Lungo: 1. Simone Baldi (Atl. Alta Toscana) 7.46 (0.0). Peso: 1. Second E. Musumary (Cus Pro Patria Milano) 18.51. Giavellotto: 1. Simone Cuciniello (Centro Atletica Salus) 67.69, 2. Marco Bernardi (Atl. Vicentina) 66.05. Decathlon: 1. Alberto Nonino (Atl. Malignani Lib. Udine) 7112. 4×100: 1. Sisport 41”03.

 

DONNE. 800: 1. Martina Canazza (Bracco Atletica) 2’08’58”. 3000: 1. Melissa Fracassini (Atl. Arcs Cus Perugia) 10’01”13. 5000: 1. Axelle Vicari (Sisport) 17’05”03. 100 hs (+2.3): 1. Sandra M. Ferrari (La Fratellanza 1874) 13”83. 400 hs: 1. Alessia Seramondi (Atl. BS ’50 Metallurg. S. Marco) 57”29. Alto: 1. Serena Masi (Atl. Firenze Marathon S.S.) 1.78. Lungo: 1. Marta A. Amani (Cus Pro Patria Milano) 6.32 (+0.4), 2. Greta Brugnolo (Atl. Riviera del Brenta) 5.98 (+1.1). Peso: 1. Anna Musci (Alteratletica Locorotondo) 15.40. Giavellotto: 1. Federica Dozio (Atl. Lecco-Colombo Costruz.) 46.61, 2. Sofia Panzarin (Atl. Vicentina) 44.11. Eptathlon: 1. Giulia Riccardi (Gs Trilacum) 4.946. 4×100: 1. Atl. Stud. Rieti Andrea Milardi) 47”23. 2. Atl. Riviera del Brenta (Lubiana, Volpato, Brugnolo, Nessenzia) 47”53.

RISULTATI RIETI 2022 FOTOGALLERY (Francesca Grana/FIDAL) - FOTO MARCIA (FotoGp.it)

 

 

Da “FIDAL NAZIONALE”

 

DISCO - Pronostico rispettato tra le donne: la padrona di casa e finalista iridata under 20 Benedetta Benedetti (Esercito) apre con 50,29 e mette il sigillo al terzo turno con 50,96. Molto vicine al personale le compagne di podio Sofia Coppari (Atl. Fabriano) e Maria Calabresi (Bracco), seconda (47,92) e terza (46,11). Gerarchie sovvertite invece in campo maschile. Matteo Perin (Team Treviso) porta il PB da 51,58 a 53,36 al secondo turno di lanci e conquista il bersaglio grosso superando il campione italiano U20 invernale Mattia Storti (La Fratellanza 1874, 51,15). Il terzo posto completa l’eccellente weekend di Francesco Mazzoccato (Varese Atletica), secondo ieri nel peso con progresso monstre e oggi cresciuto nel disco da 43,84 a 48,64 per lasciare giù dal podio per quattro centimetri Stefano Marmonti (Soi Inveruno, 48,60).

 

400hs -Tra gli uomini la gara che non ti aspetti. Il favoritissimo Riccardo Ganz parte per spaccare il mondo, con nel mirino il sub-51, e fino all’ultima barriera appare in linea e con un vantaggio abissale. Poi l’imponderabile: il trevigiano tocca l’ostacolo, si sbilancia e finisce due corsie più in là, rientra rapidamente (senza ostacolare nessuno ci pare ma nel frattempo Luca Ostanello rinviene dalle retrovie e va a vincere in 52.10, che è anche minimo per i Mondiali centrato da primo anno di categoria. Ganz 52.21 e terzo Garofoli con un bel 52.69 pari tempo con Edoardo Pasquale (PB anche per loro). Ma anche il quinto e sesto Di Mauro e Rescalli vanno a PB una una finale davvero velocissima.

 

 

800m Niente finale tattica: Francesco Pernici (FreeZone) prende subito la testa della gara maschile, transitando in 53.5 e portando via altri due compagni di fuga, Giovanni Lazzaro (Assindustria Sport) e Gabriele Angiono (Battaglio Cus Torino). I due inseguitori danno l’impressione di poter attaccare Pernici nell’ultima curva, ma il campione in carica rintuzza sul nascere gli assalti altrui per imporsi (sesto titolo italiano giovanile consecutivo per lui) con un notevole 1:47.67, a otto decimi dal record italiano stampato a Conegliano lo scorso 11 giugno. Lazzaro fa 1:48.19, Angiono 1:48.60, rispettivamente a otto e tre centesimi dai personali.

 

……………………………………………………………………………………………………………………………………………………….

REGIONALI RAGAZZI,

faganello-gabriele-22.jpg

SANE, DE PAOLI, FAGANELLO, BEDIN e MANERA - Campioncini veneti ragazzi

Assegnati a Grumolo delle Abbadesse (Vicenza) i titoli regionali under 14 su pista. Sedici i nuovi campioni veneti: otto ragazzi e altrettanti ragazze. In campo maschile da segnalare la vittoria di Alessandro Vitalino (La Fenice 1923 Mestre) nei 1000 metri in 2’46”71, migliore prestazione tecnica dell’intera rassegna. A livello femminile applausi per Giorgia Zanon (G.A. Aristide Coin Venezia 1949) nei 60 ostacoli (9”03), per Linda Jacqueline Pies Perez (Pol. Gazzera Olimpia Chirignago) che ha vinto i 1000 in 3’12”04, precedendo in volata Elisabetta Tinazzi (Us Intrepida, 3’12”64), e per Anita Marchi (Vis Abano), leader nei 2000 metri di marcia in 11’02”10. Nelle gare di contorno per i cadetti, 10”20 di Giulia Signorini (Asi Atl. Breganze) negli 80 e 41”30 di Arianna Dei Negri (Silca Ultralite Vittorio Veneto) nei 300.

I nuovi campioni regionali. Ragazzi. 60: Lorenzo Lissi (Assindustria Sport) 7”74. 1000: Alessandro Vitalino (La Fenice 1923 Mestre) 2’46”71. 60 hs: Tommaso Agostinis (Assindustria Sport) 9”37. Alto: Gabriele Faganello (Nuova Atl. Tre Comuni) 1.56. Lungo: Abramo Bedin (Atl. Pederobba) 4.61. Peso: Alex Manera (G.A. Vedelago) 12.77. Vortex: Francesco Rigoni (Asi Atl. Breganze) 57.88. Marcia (2000 m): Akram Kamrach (Atl. Lib. Sanp) 10’57”25. 

Ragazze. 60: Bance Kalidjatou (Csi Atl. Provincia di Vicenza) 8”14. 1000: Linda J. Pies Perez (Pol. Gazzera Olimpia Chirignago) 3’12”04. 60 hs: Giorgia Zanon (G.A. Aristide Coin Venezia 1949) 9”03. Alto: Sofia Zanon (Atl. Galliera Veneta) 1.50. Lungo: Nene Sane (ATL-Etica San Vendemiano) 4.61. Peso: Ana Gazie (Atl. San Bonifacio Valdalpone) 10.85. Vortex: Alice De Paoli (Atl. Montebelluna) 42.35. Marcia (2000 m): Anita Marchi (Vis Abano) 11’02”10.

ragazzi_2-300x172.jpg

RISULTATI

(foto Atleticamente)

 

……………………………………………………………………………………………………….

 

Montebelluna Live – Visca batte Padovan e Randazzo nel giavellotto, Toniutto nuovo primato provinciale: 49.44

Elena Marini 12”25 su 100m.

LUCIA MAZZER CADETTA ALTO DA 1.70!!!

mazzer-lucia-161.jpg

MONTEBELLUNA – Ecco il completamento risultati del 23° Meeting del Montello, organizzato dall’Atletica Montebelluna.

Nel giavellotto femminile gara vibrante con Carolina Visca che ha battuto la capofila stagionale Paola Padovan per 55,10 a 52,77. Terzo posto per Margherita Randazzo 50,74, poi Botter 49,44. Ben venti le atlete in gara.  Adele Toniutto allunga la traiettoria del suo primato provinciale, sfiorando i cinquanta metri (49.44)!

Nella foto sopra, il podio della gara.

Nella finale dei 100 Elena Marini si conferma con 12.25, mentre tra gli uomini siamo in attesa di comunicazione dei risultati della finale che non risulta ancora sul sigma. Ricordiamo che in batteria il miglior tempo era stato di Federico Guglielmi con 10.78 davanti a Tommaso Marcato 10.96 e Marco Martini 10.97.

 marini_rieti.jpg

In continuo crescendo l’ascesa nell’alto della cadetta coneglianese Lucia Mazzer che ha vinto superando l’asticella a 1.70.ù e guida la graduatoria nazionale dell’alto cadette. Buono il triplo dell’esordiente Melesso (11.82)

melesso-sd.jpg

Buone prove negli 800m femminili con Melania Rebuli che vince co 2’11”41 su  Giulia Menegale (2’11”84) e su Nikol Marsura (2’14”38); noticina di plauso per Leonardo Buso, 49”67 sui 400m.

TUTTI I RISULTATI

………………………………………………………………………………………………………………………….

DA TRENTO nel G.P. Mezzofondo estivo bella impresa di Riccardo Donè sui 1500m. corsi in 3’50”69!

 

 

 

 

……………………………………………………

……………………………………………………

 

Luglio 4th, 2022

QUINDICESIMA STAGIONE 2022

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol 

 

 

 

292197634_1952379878281190_7194237814588259100_n.jpg

GIOCHI DEL MEDITERRANEO DI ORANO

TECUCEANU È BRONZO PER L’ITALIA: 800m. in 1’44”97!!!

 

Da: Fidal Nazionale

 

Tra le prestazioni tecniche di maggior rilievo c’è senz’altro l’1’44”97 che consegna la medaglia di bronzo negli 800 metri a Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite Vittorio Veneto), nella sua prima rassegna in maglia azzurra: per il padovano è un tempo che sfiora il personale dello scorso anno (1’44”93) al termine di una gara bene interpretata.

 

………………………………………….. 

 

MEETING DI SAN BIAGIO

 290925314_5256912157762830_8024406864488847701_n-1.jpg

Francesco Marconi e l’allievo Giovanni Zuccon, nuovi primati trevigiani (24”90 e 25”00)

289334086_2285414134961006_4137585159404875081_n.jpg

Il meeting di San Biagio prende il volo. Arriva dal salto in alto il miglior risultato del caldissimo pomeriggio di gare sulla pista di San Biagio di Callalta (Treviso). Lo sigla la 22enne Giulia De Marchi (Atl. Vicentina) che salta 1.82, aggiunge 2 centimetri al record personale del 2021 e cinque al primato stagionale, realizzando anche la seconda miglior prestazione italiana dell’anno per la categoria promesse. L’Atletica Vicentina mette in vetrina pure l’ostacolista Mariasole Muraro, che, impegnata nei 400 piani, ferma il cronometro a 56”16 e migliora il personale di 63/100. Gran progresso anche per un’altra under 23, Alice Giuliana Gaspa (Trevisatletica): il suo 2’11”11 negli 800 lanciati dall’azzurrina Irene Vian vale una crescita di oltre 2 secondi in un colpo solo. Lo junior veneziano Luca Ostanello (Bunker Sport) si conferma nei 400 ostacoli (53”12). Francesco Marconi e l’allievo Giovanni Zuccon, fresco tricolore di categoria sulle barriere alte, mettono in scena un bel duello, tutto targato Trevisatletica, sull’atipica distanza dei 200 ostacoli: 24”90 per Marconi, 25”00 per il baby Zuccon primato assoluto trevigiano  per Francesco (precedente: Matteo Miani 25”15 del 5 luglio 2020 a Vittorio Veneto)  e primato trevigiano  allievi per Giovanni (precedente: Gino Stocco, 25”8 del 14 ottobre del 1984 realizzato a Castelfranco Veneto).

Nei lanci 40.64 della promessa Alessia Pivato (Team Treviso) nel disco e 13.10 dello junior di casa, Enrico Busato, nella gara assoluta di peso vinta da Luciano Boidi (Trevisatletica) con 13.72. Al marocchino Mouhcine Ben Hachimi (Atl. Schio), primo negli 800 in 1’52”54, il memorial Benvenuto Pasqualini, in onore dell’indimenticato fondista master dell’Atletica San Biagio. Mentre il vincitore dei 400 ostacoli allievi, Alessio Favaretto (Trevisatletica), si è aggiudicato il 33° memorial Giovanni Maria Idda.

 

 

 

 

 

 

I risultati. UOMINI. 100 (-0.6): 1. Matteo Bozza (Atl. Brugnera Friulintagli) 10”98, 3. Fabio Sbicego (Atl. San Biagio) 11”21. 400: 1. Matteo Baratto (Virtus Este) 49”07, 2. Angelo Antonello (Trevisatletica) 49”33, 3. Abel Campeol (Silca Ultralite) 49”93, 4. Leonardo Buso (Trevisatletica) 50”01, 5. Federico Azzolina (Trevisatletica) 50”49. 800: 1. Mouhcine Ben Hachimi (Atl. Schio) 1’52”54, 2. Giosuè Gazzola (Team Treviso) 1’55”88. 5000: 1. Daniele Farronato (Ass. Atl. Nevi) 14’45”16, 2. Riccardo Donè (Atl. Mogliano) 14’46”29, 3. Giacomo Esposito (Atl. San Biagio) 14’51”13. 200 hs (+0.8): 1. Francesco Marconi (Trevisatletica) 24”90, 2. Giovanni Zuccon (Trevisatletica) 25”00. 400 hs: 1. Luca Ostanello (Bunker Sport) 53”12, 3. Lorenzo De Bortoli (Atl. Pederobba) 56”18. Asta: 1. Davide De Marchi (Atl. Vicentina) 3.90. Lungo: 1. Angelo Righetto (GA Aristide Coin Venezia 1949) 6.61 (-0.6). Peso: 1. Luciano Boidi (Trevisatletica) 13.72, 2. Lorenzo Peccolo (Atl. Ponzano) 13.18, 3. Enrico Busato (Atl. San Biagio) 13.10. Disco: 1. Filippo Vaidanis (Lib. Sanp) 43.45, 2. Luciano Boidi (Trevisatletica) 39.17, 3. Lorenzo Peccolo (Atl. Ponzano) 36.92. Marcia (3000 m): 1. Francesco Piovesan (Atl. Ponzano) 15’16”14. Allievi. 3000: 1. Giovanni Pavanello (Atl. San Biagio) 9’29”52. 400 hs: 1. Alessio Favaretto (Trevisatletica) 59”18. Peso: 1. Alessandro Moro (Atl. San Biagio) 9.90.

 

DONNE. 100 (-0.7): 1. Marta Chiarotto (Ass. Dilett. Grumolo) 12”58, 2. Erica Pavan (Team Treviso) 12”69. 400: 1. Mariasole Muraro (Atl. Vicentina) 56”16, 2. Irene Vian (Atl. Riviera del Brenta) 57”31, 3. Elena Parolin (Team Treviso) 1’00”30. 800: 1. Alice Giuliana Gaspa (Trevisatletica) 2’11”11. 3000: 1. Diletta Moressa (GA Aristide Coin Venezia 1949) 10’20”91. 200 hs: 1. Martina Millo (Assindustria Sport) 30”90. 400 hs: 1. Francesca Solagna (Gs La Piave 2000) 1’04”91, 4. Francesca Conselvan (Trevisatletica) 1’06”98. Alto: 1. Giulia De Marchi (Atl. Vicentina) 1.82, 3. Eleonora Favaretto (Team Treviso) 1.63. Asta: 1. Angelica Pais Becher (Gs La Piave 2000) 2.20. Peso: 1. Adele Toniutto (Team Treviso) 11.32, 2. Alessia Pivato (Team Treviso) 10.68, 3. Valentina Soligon (Atl. San Biagio) 10.46. Disco: 1. Alessia Pivato (Team Treviso) 40.64, 2. Elena Sartori (Vittorio Atletica) 40.45. Marcia (3000 m): 1. Giulia Lucentini (Atl. Vicentina) 14’53”44, 2. Agnese Zanatta (Atl. Ponzano) 15’07”14.

Allieve. 400 hs: 1. Chiara Da Pra (Gs La Piave 2000) 1’10”89. Peso: 1. Angelica Trollo (Atl. Vicentina) 10.03.

 

…………………………………………………………………………………………

MEMORIAL SANTINELLO

Tommaso da Riva 2’58”80 Marisol Giusto 10”80

Tanti giovani in pista per il 20° memorial “Rino Santinello” che ieri sera, sull’anello di Monteortone, ad Abano Terme (Padova), ha rinnovato lo spettacolo di uno degli appuntamenti più attesi dell’estate veneta.

Circa 700, in rappresentanza di una quarantina di società, gli atleti scesi in pista, in larga maggioranza appartenenti alle categorie giovanili (cadetti e ragazzi). Una serata d’oro per la cadetta Benedetta Dambruoso (Atl. Ovest Vicentino), scesa a 10”11 (+0.7) negli 80. Per lei un progresso di 13/100. Sulla sua scia applausi anche per Giulia Signorini (Asi Atl. Breganze): arrivata ad Abano con un accredito di 10”1 manuale, ha ottenuto un bel 10”29.

Un’altra cadetta, Murah Mandy Fadika (Assindustria Sport), si è confermata nell’alto, saltando 1.64, due centimetri in meno del record personale che rappresenta (in coabitazione) la miglior misura italiana dell’anno. La lombarda Teresa Buzzella (Unione Sportiva Derviese), al secondo 1200 siepi della carriera, ha limato un paio di secondi alla precedente prestazione, correndo in 3’56”76. Ad Alessio Reato (La Fenice 1923 Mestre) la vittoria nella gara maschile (3’29”05). Sofia Copiello (Pol. Dueville) si è imposta nei 300 ostacoli in 45”73.

Il ragazzo Tommaso Da Riva ha vinto sui 1000m. scendendo sotto i tre minuti (2’58”80). Marisol Giusto in una batteria degli 80m. ha siglato un discreto 10”80.

A livello assoluto, successi per gli under 23 Sofia Faggion (Ass. Atl. Nevi) nei 400 ostacoli (1’02”93) e Marvellous Osarhue Eghianruwa (Assindustria Sport) nel triplo (14.59, vento nullo). La manifestazione è stata organizzata dall’Atletica Vis Abano con il patrocinio dell’amministrazione comunale.

RISULTATI

 

 

…………………………………………………………………………………………

bortolozzi-giorgio-22.jpg

Giorgio Bortolozzi coglie un poker ai campionati di atletica.

L’Unione Nazionale Veterani dello Sport non è certo una associazione che vive sugli allori dei risultati passati. Al contrario, la maggior parte dei suoi soci continua a praticare sport e lo fa in lungo e in largo nella nostra penisola italiana e non solo. La sezione di Treviso proprio in questi ultimi giorni ha collezionato importanti conquiste, a cominciare dall’infaticabile Giorgio Bortolozzi che prosegue la sua serie fortunata inanellando un altro successo, anzi, altri quattro.

 

Questa volta al Campionato Nazionale UNVS di Atletica Leggera tenutosi a Grosseto dal 10 al 12 giugno e concluso con un incredibile poker di titoli italiani Master SM85. La cifra riguarda gli anni perché Bortolozzi ha superato le 85 primavere ma di fermarsi e appendere le scarpette al chiodo non ha mai pensato. In Maremma, a giugno, ha vinto nel salto in alto, raggiungendo il metro e 15 centimetri, e stabilendo fra l’altro il nuovo record italiano di categoria; nel salto in lungo ha raggiunto i 3,33 metri e ha poi proseguito la serie di vittorie nel getto del peso spedendolo a ben 8,66 metri e infine ha chiuso la quaterna con il lancio del giavellotto che si è infilzato nel terreno a 23,42 metri.

Bortolozzi: da Grosseto verso la Finlandia

Risultati eccezionali che sottolineano la grinta dell’atleta, classe 1937, che ora sta già preparando la valigia: destinazione Finlandia, per la precisione a Tampere, nel sud del Paese, per il WMA (World Masters Athletics) che non si disputava più dal 2018. L’Italia sarà presente con ben 188 atleti – tutti over 35 – ed è la sesta nazione per numero di partecipanti.

 

 

 

………………………………………………………………………………………….

 

PILLOLE recenti buone da sapere

sonego.jpg

A SACILE: CARLO SONEGO, esuberante e tra i primi al mondo (M50) ha scagliato il giavellotto da 800 grammi a 62.23!

Altri risultati: Matteo Miani, sua l’asta a 5.00 metri; Sofia Furlan 26”64 sui 200m. Emanuele Cia 4’04”80 nei 1500m; vittoria nel giavellotto cadetti di Andrea De Savi (40.88).

 

AD ASOLO: nella rinnovata 100km.  i nostri migliori atleti trevigiani sono stati il coneglianese Giuseppe Trani (11h 57.29.) e Luida Bordin di Maser (14h 39.35).

 

A PIACENZA: Elena Marini ha dato due belle risposte sui 200m. (25”04) e sui 100hs (13”90); lo junior Matteo Perin ha uguagliato il suo primato nel disco lanciando a 51.58 l’attrezzo da 1.750g. (primo anche nel peso da 6kg. con 15.16).

 

A MODENA: capolavoro di Sara Sartori che nel triplo vince e supera la fettuccia dei dodici metri (12.19).

sartori-sara.jpg

A PISTOIA, nell’ambito dei campionati nazionali Libertas, argento per il trevigiano Giuseppe Barbirolo sugli 800m. in 2’14”74; nei 3000m. ha realizzato il tempo di 10’ 33”09.

 

A FERRARA, negli 800m. Costanza Lucheschi ha siglato un buon 2’14”65 e Antonio Maset ha superato ancora i 15 metri nel peso da 6Kg. (15.19) su Davide Pierobon (13.24).

 

A CHAUX DE FONDS, in ripresa la nostra bella Rebecca Borga che sui 400m. ha stabilito il suo SB con il tempo di 53”97. Forza Rebecca!!!

 

 

A TREVISO E A MONTEBELLUNA, provinciali di prove multiple per i nostri cadetti con la stupenda perfomance di Lucia Mazzer nell’alto: 1.68, primatista stagionale di categoria; in campo maschile ha vinto Dario Di Marco con 3.402 punti (1000m. in 2’55”1) su Jacopo Cinquegrani e Joey Gottardello; in campo femminile ha vinto Alessia Tozzato con 3.632 punti (80hs. In 12”4) su Sofia Zambon, Micol Lazzarini, Eleonora Fornasier e Valentina Borlina (tutte sopra i 3000 punti); nei risultati di contorno con i ragazzi, Elena Ignat (9”5 sui 60hs.) 4.68 con Emma Zonta nel lungo, 7”6 e 7”8 sui 60m. piani di Marco Volpato e Alex Manera; l’1.55 di Gabriele Faganello, il 13.54 nel peso di Alex Manera e il nuovo limite nel disco da 750g. di Samuele Giacomel (23.35).   

tozzato-alessia.jpg                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

 

……………………………………………………

……………………………………………………

 

Giugno 28th, 2022

QUINDICESIMA STAGIONE 2022

DIARIO TREVIGIANO

A cura di Franco Piol 

 

 

 

tecuceanu-re-degli-800m.png

ASSOLUTI, IL VENETO FA POKERISSIMO oro con TECUCEANU

UNO SPLENDIDO LEONARDO FELETTO SULLE SIEPI 8’30”06

 feletto-campione-2022.jpg

BRONZO PER VIRGINIA SCARDANZAN E ELEONORA VANDI

 Oro Loris Tonella nella 4×100m

 tonella-2097.jpg

L’1.98 saltato dalla vicentina Elena Vallortigara  è l’acuto della giornata finale dei Campionati Italiani Assoluti di Rieti. La misura vale all’azzurra il secondo posto delle liste mondiali stagionali, alla pari con l’ucraina Iryna Gerashchenko e alle spalle dell’altra ucraina Yaroslava Mahuchikh (2.01 nella tappa Diamond League di Parigi); un risultato super, a poco meno di tre settimane dal via dei Mondiali di Eugene. La domenica di gare allo stadio Guidobaldi regala agli atleti veneti altri cinque ori, dopo i successi ottenuti sabato dalla bellunese Paola Padovan nel giavellotto e dalla 4×100 maschile dell’Atletica Biotekna. Tra gli uomini è tripletta nel mezzofondo, grazie al padovano Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite) negli 800 (1’46”62), al vicentino Ossama Meslek (Atl. Vicentina) nei 1500 (3’44”69) e al trevigiano Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) nei 3000 siepi (8’30”96). Tra le donne, oltre a Vallortigara, c’è da salutare il trentesimo titolo della padovana Chiara Rosa nel peso, all’ultima gara della carriera. Altre tre maglie tricolori per le Fiamme Oro Padova con Gianmarco Tamberi nell’alto (2.26), Dalia Kaddari nei 200 (22”87) e Ayomide Folorunso nei 400 ostacoli (54”60).

 

Dalla Fidal Nazionale:

290569529_3183659711885845_3547413701919924554_n.jpg

…Negli 800 è abbastanza netta l’affermazione di Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite Vittorio Veneto), via di potenza negli ultimi duecento metri (1:46.62 al traguardo) e imprendibile per il campione europeo U23 Simone Barontini (Fiamme Azzurre, 1:47.63) e per Francesco Conti (Atl. Imola Sacmi Avis, 1:48.02)

feletto_rieti_26_06.jpg

…Nei 3000 siepi, Al maschile, con le rinunce di Ahmed Abdelwahed e Osama Zoghlami, la gara vive del confronto tra Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) e Yassin Bouih (Fiamme Gialle), con prevalenza per il primo (8:30.06). Bouih lo segue con 8:31.39 e nel faccia a faccia prova a inserirsi, risalendo da dietro, anche Abderrazzak Gasmi (Toscana Atl. Futura) che chiude terzo in 8:38.93.

Questi i nuovi campioni italiani assoluti, con tutte le medaglia venete. 3^ giornata.

UOMINI. 200 (+1.5): 1. Diego Aldo Pettorossi (Atl. Lib. Unicusano Livorno) 20”54, 3. Andrea Federici (Atl. Biotekna) 20”80, 4. Loris Tonella 20”97 (Primato ass. pro e jun. Trevigiano!). 400: 1. Edoardo Scotti (Carabinieri) 45”69. 800: 1. Catalin Tecuceanu (Silca Ultralite Vittorio Veneto) 1’46”62. 1500: 1. Ossama Meslek (Atl. Vicentina) 3’44”69. 3000 siepi: 1. Leonardo Feletto (Atl. Mogliano) 8’30”06. 400 hs: 1. Mario Lambrughi (Atl. Riccardi Milano 1946) 49”22, 3. Giacomo Bertoncelli (Atl. Insieme Verona) 50”40. Alto: 1. Gianmarco Tamberi (Fiamme Oro Padova) 2.23, 3. Silvano Chesani (Gs Fiamme Oro Padova) 2.23. Lungo: 1. Elias Sagheddu (Sisport) 7.75 (+1.1). Peso: 1. Nick Ponzio (Athletic Club 96 Alperia) 21.34, 3. Sebastiano Bianchetti (Fiamme Oro Padova) 19.58. Martello: 1. Simone Falloni (Aeronautica Militare) 71.32. 4×400: 1. Cus Pro Patria Milano 3’06”42, 2. Atl. Biotekna (Franceschini, Robbin, Grossi, Pivotto) 3’07”60. Decathlon: 1. Dario Dester (Carabinieri) 8020.

DONNE. 200 (+0.6): 1. Dalia Kaddari (Fiamme Oro Padova) 22”87. 400: 1. Alice Mangione (Esercito) 51”65, 2. Anna Polinari (Carabinieri) 52”33. 800: 1. Eloisa Coiro (Fiamme Azzurre) 2’03”23, 2. Federica Del Buono (Carabinieri) 2’03”51. 1500: 1. Ludovica Cavalli (Aeronautica Militare) 4’14”14, 3. Elena Bellò (Fiamme Azzurre) 4’15”24. 3000 siepi: 1.  Martina Merlo (Aeronautica Militare) 9’51”82, 2. Laura Dalla Montà (Assindustria Sport) 9’58”88. 400 hs: 1. Ayomide Folorunso (Fiamme Oro Padova) 54”60, 2. Rebecca Sartori (Fiamme Oro Padova) 55”43. Alto: 1. Elena Vallortigara (Carabinieri) 1.98, 2. Erika Furlani (Fiamme Oro Padova) 1.84. Asta: 1. Roberta Bruni (Carabinieri) 4.55, 2. Elisa Molinarolo (Fiamme Oro Padova) 4.45, 3. Virginia Scardanzan (Atl. Silca Conegliano) 4.30. Lungo: 1. Larissa Iapichino (Fiamme Gialle) 6.64 (+0.9). Peso: 1. Chiara Rosa (Fiamme Azzurre) 16.26. Disco: 1. Daisy Osakue (Fiamme Gialle) 63.24, 3. Diletta Fortuna (Carabinieri) 50.87. 4×400: 1.  Cus Pro Patria 3’35”00. Eptahlon: 1. Marta Giaele Giovannini (Atl. Livorno) 5425, 2. Alice Lunardon (Atl. Riviera del Brenta) 5238. RISULTATI

…………………………………………………………………………………………

3d132f40-6356-4033-bbf2-a13c74c613c8-copia.jpg

TECUCEANU D’ORO NEGLI 800 m. con 1’46”62.

SCARDANZAN DI BRONZO NELL’ASTA AI CAMPIONATI ITALIANI ASSOLUTI

Silca Ultralite Vittorio Veneto e Atletica Silca Conegliano protagoniste ai campionati italiani assoluti di atletica leggera. Oggi, domenica 26 giugno, dallo stadio Guidobaldi di Rieti arrivano due medaglie, una d’oro e una di bronzo. Catalin Tecuceanu è nuovamente campione italiano assoluto negli 800 metri, questa volta all’aperto. Il ventiduenne di Trebaselghe (PD) ha conquistato il suo secondo titolo italiano da quando, lo scorso novembre, ha ottenuto la cittadinanza italiana. A febbraio, ad Ancona, si era imposto nella rassegna indoor. Oggi è stato protagonista assoluto di una gara che l’ha visto prendere la testa ai 260 metri senza più abbandonarla. Per lui una convincente vittoria in 1’46’’62, davanti al campione europeo under 23 del 2021, Simone Barontini (Fiamme Azzurre) secondo in 1’47’’63 e Francesco Conti (Atl. Imola) terzo in 1’48’’02. Per l’allievo di Lionello Bettin non ci sarà però tempo per festeggiare: la prossima settimana sarà ai Giochi del Mediterraneo, in programma a Orano, in Algeria, dove indosserà la sua prima maglia azzurra. Tecuceanu, lo scorso anno sceso a 1’44’’93 quando ancora era cittadino romeno e quest’anno già piazzato e sul podio di gare internazionali all’estero, si conferma dunque leader del mezzofondo veloce in Italia (guida anche la graduatoria stagionale della distanza, con il crono di 1’45’’24 siglato il 31 maggio al meeting di Ostrava).

………………………………………………………………………………………….

Sale nuovamente sul podio tricolore, Virginia Scardanzan, la 24enne di Preganziol. Con 4.30 si mette al collo l’ennesima medaglia, questa volta di bronzo, nel salto con l’asta. Per lei, in questo 2022, sono già arrivate due medaglie “nazionali” americane. Studentessa, iscritta ad un master in Business alla Washburn University di Topeka (dove si è già laureata in kinesiologia) a marzo aveva conquistato il bronzo indoor e a maggio, l’argento outdoor nei NCAA National Championships Division II (le finali del campionato nazionale universitario americano). Oggi a Rieti un’altra gioia tricolore.

“Ancora una volta Silca Ultralite Vittorio Veneto e Atletica Silca Conegliano si confermano ai vertici dell’atletica nazionale  – commentano i presidenti, Aldo Zanetti e Francesco Piccin –  siamo davvero molto soddisfatti di queste prestazioni, che ci dicono, appunto, che stiamo lavorando nella direzione giusta, supportando giovani atleti che con serietà e impegno si stanno dedicando all’atletica, in questo, anche con grandi risultati”.

 

………………………………………………………………………………………….

PILLOLE

 feletto-t-22.jpg

A SAN VITO AL TAGLIAMENTO Tiziano Feletto ha superato l’asticella dell’alto, vincendo, la quota di 2.07 (Costanza Crisanti 1.68).

ferrario-nicolo.jpg

A FELTRE bella impresa di Nicolò Ferrario che ha super migliorato la sua prestazione sui 100 metri con un velocissimo tempo cronometrato in 10”79; notevole 1500m. con Gloria Tessaro a 4’29”14 su Valentina Bernasconi 4’33”08, Miriam Sartor 4’43”66 e Giulia Menegale 4’46”47

Arianna dei Negri sui 1000m. ha siglato un ottimo 2’57”39.

 boidi-mestre.jpg

A VERONA ritorno vincente in pista di Luciano Boidi con 15.01 nel peso.

verrati-leo-mestre.jpg

A RUBIERA in Emilia, bella prova sui 200m di Leonardo Verrati in 22”37; Stefano Ghenda 9’37”76 (sui 3000 siepi).

sozza-paolo-22.jpg

AD ABANO TERME bella vittoria sui 3 km. su strada di marcia del giovane Paolo Sozza (15’54”1)

 

 

 

 

……………………………………………………

……………………………………………………